Admiralty

L’occupazione di Admiralty è finita 

Dopo 75 giorni di occupazione, è ripreso il traffico su Harcourt Road, la strada principale del quartiere di Admiralty, sgomberato dalla polizia in un’operazione durata sette ore e conclusasi senza incidenti. Gli agenti hanno arrestato 209 persone, tra cui rappresentanti politici, studenti, cittadini e i leader della protesta. Tra loro anche il segretario generale della Federazione degli studenti Alex Chow Yong-kang.

Gli studenti hanno promesso di continuare la loro protesta per la democrazia con altri strumenti dopo Natale. South China Morning Post

Decreto ingiuntivo contro gli attivisti di Admiralty a Hong Kong

Gli attivisti del movimento Occupy central di Hong Kong hanno ricevuto l’ordine di lasciare l’accampamento di Admiralty, uno dei più attivi della protesta cominciata il 27 settembre.

L’ordine, emesso dall’alta corte di Hong Kong, dà il via libera alle autorità per sgomberare tre zone dell’accampamento. Copie dell’ordinanza sono state pubblicate dai giornali locali e affisse nelle strade. Lo sgombero avverrà l’11 dicembre alle 9 ora locale (le due di notte in Italia).

L’ingiunzione contro il sito della protesta è stata emessa in seguito alla richiesta presentata il 1 dicembre della compagnia di autobus All China express, secondo la quale la protesta stava rovinando i suoi affari. South China Morning Post

pubblicità
Rimosse le tende che bloccavano l’accesso alla Citic Tower

Gli ufficiali giudiziari hanno smantellato una parte delle barricate dell’accampamento del movimento di disobbedienza civile Occupy central nella zona di Admiralty, a Hong Kong. Il resto dell’accampamento è stato lasciato intatto.

La corte suprema ha emesso un’ingiunzione a favore dei proprietari del grattacielo Citic Tower, che si erano lamentati perché l’accesso all’edificio era bloccato dai manifestanti. In base all’ingiunzione dovrà essere smantellato anche il sito di protesta a Mong Kok, come richiesto dalle associazioni di taxi e di minibus.

Gli attivisti non hanno opposto resistenza e alcuni hanno cominciato a smontare le tende prima dell’intervento degli agenti. South China Morning Post