“La strategia ‘covid zero’ adottata dalla Cina sta uccidendo la crescita”, scrive Asia Times. Pechino ha pubblicato i dati sull’economia nel secondo trimestre e la crescita è stata dello 0,4 per cento rispetto al 2021, un drastico calo se paragonato al 4,8 per cento del primo trimestre. “Ormai è difficile immaginare che possa raggiungere l’obiettivo del 5,5 per cento di crescita entro la fine dell’anno, e questo avrà ricadute sul presidente Xi Jinping, che in autunno dovrebbe essere riconfermato per un terzo mandato. I lockdown a Shanghai e in altre grandi città hanno colpito la produzione industriale e i consumi e spaventato gli investitori stranieri”.

Questo articolo è uscito sul numero 1470 di Internazionale, a pagina 32. Compra questo numero | Abbonati