“Sono stata fortunata con la consistenza dei miei capelli. Mia madre invece li ha davvero afroamericani e fatica a trovare i prodotti giusti per curarli. Se fossi stata in lei avrei fatto la stessa cosa: li avrei tagliati tutti”. Questo intervento su YouTube dell’influencer Briana Monique negli Stati Uniti ha innescato una polemica sul razzismo interiorizzato delle donne afroamericane e il rifiuto discriminatorio di un modo di apparire. “Se ti chiami influencer ti assumi il rischio di influenzare”, ha scritto Kristin Corry su Vice. “Nessuno si aspetta la perfezione, dai nostri capelli o altro, ma pretendere un minimo di rispetto non è chiedere troppo”. Monique si è scusata e ha cancellato il video. 
Gaia Berruto

Questo articolo è uscito sul numero 1435 di Internazionale, a pagina 90. Compra questo numero | Abbonati