Sommario

249 (11 settembre 1998)

India: la fine di un’idea

“L’aria è densa di bruttura. E nel vento si avverte l’inconfondibile lezzo del fascismo” scrive Arundathi Roy, l’autrice di Il dio delle piccole cose

249 (11 settembre 1998)

Editoriali

Condanne per genocidio

Asia e Pacifico

Pakistan: cuciti a un pallone

pubblicità

Cultura

Giù le mani da Godzilla

Brasile

Le città dell’Amazzonia

Sovrappopolazione, inquinamento e delinquenza all’ombra della foresta

Bosnia Erzegovina

Ritorno in terra straniera

Viaggio tra le difficoltà di chi non si arrende alla pulizia etnica

pubblicità

Editoriali

Kurosawa, straniero in patria

Sudan

Una speranza per il Sudan

La carestia finirà solo se non ci sarà più guerra

Africa e Medio Oriente

Le piccole Wall Street africane

Americhe

Narcotraffico statale in Suriname

Europa

Svizzera: l’immigrato messo ai voti

pubblicità

In copertina

India: la fine della libertà

Una scrittrice e la guerra. La delusione e la rabbia di Arundhati Roy dopo i test nucleari

Editoriali

Una brutta legge

Editoriali

Thailandia: cittadini con revoca

Cinema

Che noia il cinema esplosivo

Il futuro del film d’azione in un dibattito tra cinque autori

Editoriali

Immagini dal Sudan

pubblicità

Lettera dall'Italia

Desmond O’Grady

Aspettando il Giubileo tra cantieri e speranze

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.