Sommario

263 (18 dicembre 1998)

Geni e sregolatezza

La ricerca delle caratteristiche genetiche delle popolazioni può aiutare la medicina. Ma anche le multinazionali o i militari. Un’inchiesta del settimanale tedesco Die Zeit

263 (18 dicembre 1998)

Africa e Medio Oriente

La doppia identità del Benin

Europa

Il coniglietto svedese è più casto

pubblicità

Americhe

Castro prescrive più ideologia ai cubani

Editoriali

Da Gaza a Capitol Hill

Editoriali

Algeria, nulla è cambiato

pubblicità

Scienza e tecnologia

La malaria degli aeroporti

In copertina

Geni e sregolatezza

Un’inchiesta sui rapporti tra ricerca genetica, industria farmaceutica e popolazioni

Asia e Pacifico

Uno sguardo diverso sulla Corea del Sud

Colombia

Le radici del male

La riflessione di tre intellettuali sull’evoluzione della guerriglia

Editoriali

Lego genetico

pubblicità

Immagini

Il Sudafrica di Alf Kumalo

La lotta contro l’apartheid vista dal più grande fotoreporter del paese

Malesia

Tribunali e manganelli

La democrazia e la repressione dopo l’arresto di Anwar

Islam

Mediterraneo: le ferite aperte

Juan Goytisolo ragiona sul futuro del mondo arabo-islamico

Lettera dall'Italia

Lee Marshall

Una sfida per il cinema italiano

Cultura

Tom Zé, genio dei difetti

pubblicità

Editoriali

L’angolo buio del Giappone

Editoriali

Parole intraducibili

scrittori

L’altra voce portoghese

Antonio Lobo Antunes in un ritratto di Le Monde

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.