(Shepard Fairey)
  • 21 Gen 2016 17.32

Le strade di Shepard Fairey

21 gennaio 2016 17:32

La galleria bolognese Ono Arte Contemporanea presenta una mostra dedicata a uno dei più influenti street artist contemporanei: Shepard Fairey, diventato famoso con il manifesto Hope con il volto di Barack Obama e realizzato per sostenere la prima campagna presidenziale del 2008.

Fairey nasce nel 1970 a Charleston, in South Carolina. Grafico, attivista e illustratore, trascorre la sua adolescenza nell’ambiente degli skateboarder in cui comincia a sviluppare la sua passione per il disegno. Nel 1992 si laurea in illustrazione alla Rhode Island school of design. Nel 2001 fonda il marchio di abbigliamento Obey che lo consacra a livello internazionale.

Obey è il punto di arrivo di un lavoro cominciato anni prima. Nel 1989 aveva creato la campagna André the Giant has a posse, realizzata con degli adesivi, e che si evolve in Obey Giant grazie al sostegno di una rete internazionale di collaboratori che hanno reso le sue immagini virali. Gli adesivi hanno diviso la critica: alcuni li considerano atti di vandalismo e altri arte. Nel frattempo l’underground se ne appropria per esprimere il dissenso nei confronti del potere e della cultura mainstream. A proposito del significato delle sue opere, Fairey afferma: “Il vero messaggio nel mio lavoro è ‘metti tutto in discussione’”.

Fairey si è anche occupato di guerrilla marketing e della realizzazione di copertine di album e locandine cinematografiche. Nel 2011 la rivista Time gli commissiona la copertina per la persona dell’anno, The protester che rappresenta tutti i manifestanti del mondo, dalla primavera araba a Occupy Wall street. È la seconda volta per Fairey: aveva già ricevuto lo stesso incarico nel 2008, quando come persona dell’anno era stato scelto Obama.

La mostra Shepard Fairey: Obey sarà aperta al pubblico fino al 28 febbraio 2016.

pubblicità

Da non perdere

Il Regno Unito fuori dall’Europa
Il momento della verità. La nuova copertina di Internazionale
Una separazione tragica. La Brexit secondo l’Economist

In primo piano