Attivisti del movimento per i diritti civili vestiti da preti ortodossi si baciano durante una protesta il 22 dicembre del 2015.
  • 23 Dic 2015 17.59

La Grecia approva le unioni civili per le coppie gay

23 dicembre 2015 17:59

In Grecia è stata approvata una legge che introduce le unioni civili tra persone dello stesso sesso, nonostante l’opposizione di alcuni partiti politici e della chiesa ortodossa. In molti paesi europei, tra cui Regno Unito, Spagna e Cipro, le coppie omosessuali possono già registrare la loro unione, ma la questione resta motivo di discussione in diversi altri paesi.

Nel 2008 Atene ha introdotto le unioni civili, ma solo per le coppie eterosessuali: per questo nel 2013 la corte europea dei diritti dell’uomo ha giudicato la legge discriminatoria. Nella notte del 22 dicembre, 193 parlamentari su 300 hanno votato a favore della nuova norma che garantisce la possibilità di contrarre un’unione civile anche alle coppie omosessuali.

Il primo ministro greco Alexis Tsipras, che aveva promesso riforme sociali per mitigare le riforme economiche imposte dall’Unione europea e dal Fondo monetario internazionale dopo il salvataggio, ha detto che la nuova legge mette fine a “una serie di imbarazzi per lo stato”. La parlamentare Vasiliki Katrivanou di Syriza ha detto: “Questo è un grande momento, non solo per la comunità lgbt, ma anche per l’uguaglianza in Grecia”.

Il disegno di legge ha ricevuto il sostegno dei socialisti del Pasok, dei centristi del To Potami (Il Fiume) e di numerosi deputati conservatori, mentre non è stato votato dagli alleati di destra di Syriza, i Greci indipendenti (Anel), che fanno parte della coalizione di governo. Panos Kammenos, ministro della difesa e leader di Anel, non ha partecipato al voto, che si è protratto oltre mezzanotte.

Decine di sostenitori della nuova legge hanno manifestato fuori dal parlamento durante la seduta. Con un gesto simbolico due attivisti per i diritti dei gay che indossavano abiti religiosi si sono baciati fuori dalla cattedrale metropolitana dell’Annunciazione di Atene. Davanti a loro un cartellone recitava: “L’amore non è un peccato”.

La legge non permette alla coppie omosessuali di sposarsi o di adottare bambini, e secondo gli attivisti non garantisce gli stessi diritti delle coppie sposate relativamente a pensioni, tasse e cure mediche. Un’attivista e ingegnere civile, Dimitra Kyrilou, ha detto: “Vogliamo queste unioni, ma le vogliamo complete”.

Anche il Partito comunista, la formazione di estrema destra Alba dorata e la chiesa ortodossa si sono opposti alla legge. L’arcivescovo Ieronymos ha detto: “I fedeli credono in un preciso stile di vita e ogni cosa che ne sta al di fuori è una deviazione”. I membri di Syriza hanno detto che alcune persone preferiscono “voltarsi dall’altra parte” e che “l’oscurità è stata sconfitta”.

Il ministro delle finanze Euclides Tsakalotos, che indossava una spilla arcobaleno sulla giacca, ha detto: “È la storia più vecchia del mondo per quanto riguarda le relazioni umane. Due persone si amano e vogliono stare insieme, ma devono continuamente scontrarsi con degli ostacoli”.

(Traduzione di Ludovica Lugli)

Questo articolo è stato pubblicato dall’agenzia di stampa Reuters.

pubblicità

Da non perdere

L’Unione europea è ancora ostaggio degli egoismi nazionali
Chi sono gli oromo e perché protestano in Etiopia?
Il rumore che copre Blonde di Frank Ocean

In primo piano