• 17 Feb 2017 14.00

Bambini in tv

Claudio Rossi Marcelli
17 febbraio 2017 14:00

Mia figlia di sei anni si è appassionata a un talent per piccoli pasticceri e io sono tentata di farle fare un provino, perché potrebbe essere un vero talento. Tu che ne pensi?–Katia

Maddalena Cecconi sogna un glorioso avvenire per la sua bambina di otto anni, e vuole garantirglielo attraverso una carriera di attrice. Nonostante le difficoltà finanziarie, è pronta a qualunque sacrificio pur di far arrivare la figlia ai provini e spende tutti i suoi risparmi in servizi fotografici, maestre di recitazione e corsi di ballo, tenendo tutto nascosto al marito. La donna arriva a pagare un sedicente aiuto regista per far ottenere alla bambina una parte, per poi scoprire di essere stata truffata. Dopo essere finalmente riuscita a far ammettere la figlia a un’audizione, assiste di nascosto a una proiezione del provino dove la bimba goffa e timida scoppia a piangere disperatamente, suscitando le risate di tutta la troupe. E improvvisamente Maddalena si rende conto di aver preteso dalla bambina cose che la piccola non poteva, non voleva e non doveva fare.

Questa è la trama di Bellissima, un film uscito quando i concorsi di bellezza o le gare canore per bambini non erano ancora stati inventati. Nel 1951 Luchino Visconti aveva già capito che i bambini e il mondo dello spettacolo non sono una buona accoppiata, perché nessun bambino dovrebbe affrontare eliminazioni, rifiuti, o i giudici di un talent show per pasticceri. Lascia che tua figlia riversi il suo talento da piccola pasticcera su una crostata in cucina, che a diventare una chef della tv farà sempre in tempo.

Questa rubrica è stata pubblicata il 17 febbraio 2017 a pagina 14 di Internazionale. Compra questo numero| Abbonati

pubblicità

Da non perdere

In Piemonte l’accoglienza dei migranti passa dall’agricoltura
In Russia Putin sta perdendo il sostegno della classe media
Cuba sotterranea. Le foto di Nicola Lo Calzo

In primo piano