NUOVE NOTIZIE

Notizie
NUOVE NOTIZIE

Giornata mondiale del rifugiato, l’Onu denuncia: governi incapaci di fronte alle guerre

Secondo l’ultimo rapporto dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) ci sono stati 59,5 milioni di profughi alla fine del 2014, rispetto ai 37,5 milioni di dieci anni fa. Più della metà sono bambini


  • 20 Giu 2015 10.52

Giornata mondiale del rifugiato, l’Onu denuncia: governi incapaci di fermare le guerre

L’alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, António Guterres ha ammesso che “il mondo è un caos” e “non è possibile aiutare” molti dei quasi 60 milioni di migranti forzati. Oggi si celebra la giornata mondiale del rifugiato e Guterres ha denunciato la “totaleincapacità da parte della comunità internazionale a lavorare insieme per fermare le guerre e costruire e mantenere la pace”.

L’ultimo rapporto dell’agenzia dell’Onu per i rifugiati (Unchr) ha riferito di un forte aumento del numero di persone costrette a fuggire dalle loro case, pari a 59,5 milioni alla fine del 2014, contro i i 51,2 milioni del 2013, sottolineando come più della metà dei rifugiati a livello mondiale siano bambini. Secondo l’Unhcr, nel 2014 ogni giorno 42.500 persone diventate rifugiate, richiedenti asilo o sfollati interni, e in tutto il mondo una persona ogni 122 è attualmente un rifugiato, uno sfollato interno o un richiedente asilo.

Tra le cause principali, il fatto che negli ultimi cinque anni sono scoppiati o si sono riattivati almeno 15 conflitti: otto in Africa (Costa d’Avorio, Repubblica Centrafricana, Libia, Mali, Nord-Est della Nigeria, Repubblica Democratica del Congo, Sud Sudan e quest’anno Burundi); tre in Medio Oriente (Siria, Iraq e Yemen); uno in Europa (Ucraina) e tre in Asia (Kirghizistan, e diverse aree del Myanmar e del Pakistan). Nel frattempo permangono da decenni le condizioni di instabilità e conflitto in Afghanistan, Somalia e in altri Paesi, rendendo costante il flusso di migranti da questi luoghi.

  • 18 Giu 2015 17.07

I rifugiati nel mondo in tre grafici

Le migrazioni forzate provocate da guerre, conflitti e persecuzioni hanno raggiunto i massimi livelli nella storia dell’umanità, secondo l’ultimo rapporto annuale dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). L’indagine parla di 59,5 milioni di profughi alla fine del 2014, rispetto ai 37,5 milioni di dieci anni fa. Più della metà sono bambini. Leggi

pubblicità
  • 18 Giu 2015 16.47

Lettera a un bambino in guerra

Il 20 giugno è la giornata mondiale del rifugiato. Ecco come spiegare a un bambino il diritto dei profughi all’accoglienza.  Leggi

  • 18 Giu 2015 13.48

Quasi sessanta milioni di rifugiati secondo il rapporto dell’Unhcr

Le migrazioni forzate provocate da guerre, conflitti e persecuzioni hanno raggiunto i massimi livelli registrati sinora, secondo l’ultimo rapporto annuale dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). L’indagine – intitolata Global trends – parla di 59,5 milioni di migranti forzati alla fine del 2014, rispetto ai 37,5 milioni di dieci anni fa. Più della metà sono bambini. Leggi