NUOVE NOTIZIE

Notizie
NUOVE NOTIZIE

David Cameron in Europa per parlare delle relazioni tra Londra e Unione

In due giorni il primo ministro britannico visita Paesi Bassi, Francia, Polonia e Germania per avvertire i leader europei della possibilità che il Regno Unito lasci l’Unione se non saranno introdotte le riforme volute dal suo governo


  • 29 Mag 2015 21.57

Merkel ha ammesso che si possono cambiare i trattati europei

La cancelliera tedesca Angela Merkel è andata incontro al primo ministro britannico David Cameron nel suo progetto di riforma dell’Unione europea. In occasione di un vertice con Cameron a Berlino, Merkel non ha escluso una revisione del trattato di Lisbona per accogliere le richieste di Londra. Al termine del tour di due giorni del premier britannico nelle capitali europee, dopo l’accoglienza gelida di Varsavia e le mille puntualizzazioni di Parigi, la cancelliera ha detto che “dove c’è un desiderio, c’è anche un modo di realizzarlo e questo deve essere il nostro principio guida”.

Il premier britannico era arrivato a Berlino dopo aver incontrato la premier polacca Ewa Kopacz, che aveva definito senza mezzi termini “una vergogna” l’idea dei conservatori di limitare l’accesso al welfare per i lavoratori europei immigrati nel Regno Unito. Merkel ha invece detto di essere pronta ad accettare l’appello di Cameron riconoscendo che alcuni paesi europei non sono favorevoli a una maggiore integrazione, e ha anche ammesso che esiste un’Europa a due velocità. La cancelliera ha dichiarato di essere disposta a una revisione del trattato di Lisbona, sottolineando che è importante che ci sia condivisione sulla sostanza delle riforme prima di decidere il meccanismo con cui realizzarle.

  • 28 Mag 2015 17.40

Il viaggio di Cameron in quattro paesi dell’Unione europea per parlare di riforme 

David Cameron con il primo ministro olandese Mark Rutte all’Aja il 28 maggio 2015.

All’indomani della presentazione del programma del suo nuovo governo, il primo ministro britannico David Cameron è partito per un viaggio di due giorni in quattro capitali europee. Il ministro degli esteri britannico, Philip Hammond, ha detto che Cameron avvertirà i leader europei sulla possibilità che il Regno Unito lasci l’Unione se non saranno introdotte le riforme promosse dal suo governo, che mirano ad allentare il controllo di Bruxelles. Prima della partenza di Cameron, è stata pubblicata la proposta di legge che introduce il referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione europea, che sarà indetto entro il 2017. Il quesito a cui saranno chiamati a rispondere i britannici sarà: “Credi che il Regno Unito debba rimanere un membro dell’Unione europea?”

Il viaggio di Cameron è cominciato con un pranzo nella residenza del primo ministro olandese di centrodestra Mark Rutte, descritto come “un buon amico e un partner molto forte in Europa”. Cameron è quindi partito per Parigi, dove incontrerà il presidente François Hollande, e poi andrà a Varsavia, a parlare con la prima ministra polacca Ewa Kopacz, e a Berlino per incontrare la cancelliera tedesca Angela Merkel.

In vista del Consiglio europeo del 25 giugno, il primo ministro britannico intende chiedere l’introduzione di una serie di cambiamenti principalmente in quattro aree.

  • Impedire ai disoccupati provenienti da altri paesi europei di accedere ai sussidi e imporre un limite di quattro anni di permanenza nel paese prima di poter accedere agli sgravi fiscali. L’opposizione più dura dovrebbe venire dalla Polonia.
  • Garantire al Regno Unito la possibilità di tirarsi fuori quando si riproporrà nei futuri trattati europei la frase sulla “creazione di un’Unione sempre più stretta”, introdotta per la prima volta nel trattato di Roma del 1957.
  • Garantire agli stati membri che non fanno parte dell’eurozona, come il Regno Unito, la possibilità di mantenere immutate le regole del mercato unico.
  • Dare ai parlamenti nazionali il diritto di unirsi per bloccare le nuove proposte legislative.
pubblicità
  • 27 Mag 2015 17.22

I punti principali del nuovo governo di David Cameron

Nel Regno Unito si è aperto l’anno parlamentare con la tradizionale cerimonia nota come Queen’s speech, durante il quale la regina Elisabetta ha annunciato il programma del nuovo governo del primo ministro David Cameron, uscito dalle elezioni del 7 maggio. I cinque punti più importanti del programma per i prossimi cinque anni.

  1. Unione europea. Il governo rinegozierà il rapporto con l’Unione europea e perseguirà riforme “a beneficio di tutti gli stati membri”. Inoltre sarà introdotta una legge per indire un referendum entro la fine del 2017 sull’appartenenza del Regno Unito all’Ue. Il testo inoltre afferma che il governo presenterà delle proposte per una dichiarazione britannica dei diritti umani. Una legge per ritirare il Regno Unito dalla Convenzione europea dei diritti umani e sostituirla con una normativa britannica è stata osteggiata da alcuni parlamentari conservatori, quindi si tratterà probabilmente di un documento consultivo.
  2. Scozia. Maggiore autonomia sarà concessa alla Scozia. Il governo si prepara a garantire più poteri fiscali al parlamento di Edimburgo e prevede di accordare maggiori poteri anche al Galles.
  3. Immigrazione. Il testo fa un breve accenno all’immigrazione, dicendo che “saranno introdotte misure per aumentare la sicurezza energetica e controllare l’immigrazione”. Le misure prevedono la creazione di una nuova agenzia per gestire i casi di sfruttamento e l’istituzione del reato di lavoro irregolare, in base al quale la polizia avrà il potere di requisire i salari guadagnati dai migranti irregolari.
  4. Tasse. Il governo prevede di approvare una legge che congeli qualsiasi aumento delle imposte sul reddito, dell’iva e dei contributi previdenziali. Cameron aveva promesso queste misure durante la campagna elettorale, ma il suo governo ha anche detto che dovrà proseguire con la politica di austerità prevedendo tagli alle spese per il welfare pari a 17 miliardi di euro.
  5. Estremismo. Il governo proporrà nuovi poteri per la lotta contro le “organizzazioni estremiste” considerate responsabili della radicalizzazione e restrizioni per gli individui sospettati di essere estremisti che tentano di entrare nel Regno Unito. Proporrà anche una legge sulla comunicazione, che obbligherà gli operatori telefonici e i fornitori di rete a mettere a disposizione dei servizi di sicurezza dati degli utenti. Maggiori poteri saranno concessi all’Ofcom, l’autorità indipendente che regola l’attività delle società di comunicazione.
  • 27 Mag 2015 16.22

Il nuovo anno del parlamento britannico

Le guardie di Buckingham palace, a Londra, prima della cerimonia di inaugurazione dell’anno parlamentare.
La regina Elisabetta arriva in carrozza da Buckingham palace a Westminster, dove si trova il parlamento.
Il primo ministro David Cameron con Harriet Harman, leader ad interim del partito laburista, arrivano alla camera dei lord per ascoltare il tradizionale Queen’s speech, il discorso della regina.
La regina Elisabetta viene accompagnata dal principe Filippo alla Royal gallery, dove terrà il discorso.
  • 27 Mag 2015 12.12

La presentazione del programma del nuovo governo di David Cameron

Comincia alle 11.15 (le 12.15 in Italia) il tradizionale evento noto come Queen’s speech (discorso della regina) che segna l’apertura ufficiale dell’anno parlamentare. La regina Elisabetta legge un testo redatto dall’esecutivo in carica, in cui viene presentato il programma del nuovo governo di David Cameron uscito dal voto del 7 maggio. Il discorso dovrebbe toccare diversi punti, tra cui l’occupazione, l’alloggio, la tassazione, ma soprattutto il referendum sull’adesione all’Unione europea e la maggiore autonomia della Scozia.

Il discorso della regina in diretta


Il fulcro del discorso sarà la legge, voluta da Cameron ma bloccata dai liberaldemocratici nello scorso esecutivo di coalizione, che promette un referendum sull’adesione del Regno Unito all’Unione europea entro il 2017. Obiettivo della legge è arginare l’arrivo di migranti nel paese. Un altro tema importante sarà la discussione sulla maggiore autonomia della Scozia, dove gli indipendenti hanno conquistato 56 seggi, e sulle misure che daranno ai parlamentari inglesi più voce in capitolo sulle leggi che riguardano l’Inghilterra.

Dovrebbe invece per ora restare fuori dal programma il progetto, delineato da Cameron in campagna elettorale, di ritirare il Regno Unito dalla Convenzione europea dei diritti umani e sostituirla con una normativa britannica, in modo da garantire al governo il controllo sulla legislazione nazionale in materia di diritti umani. Il progetto è stato per ora accantonato a causa dell’opposizione di alcuni parlamentari dello stesso partito conservatore.

pubblicità