NUOVE NOTIZIE

Notizie
NUOVE NOTIZIE

In Bangladesh il proprietario del Rana Plaza accusato di omicidio con altre 40 persone

Gli imputati sono accusati di avere ignorato gli avvertimenti sulla fragilità dell’edificio, nel cui crollo sono morte più di mille persone. Rischiano la pena di morte


  • 01 Giu 2015 12.57

Il proprietario del Rana Plaza e altre 40 persone accusate di omicidio in Bangladesh

In Bangladesh il proprietario del Rana Plaza, il palazzo che ospitava cinque fabbriche tessili crollato il 24 aprile del 2013 uccidendo 1.130 persone, è stato accusato di omicidio. Sohel Rana, 35 anni, era stato arrestato qualche giorno dopo il crollo, mentre cercava di fuggire in India. È una delle 42 persone che le autorità del Bangladesh hanno incriminato per omicidio, con l’accusa di avere ignorato gli avvertimenti sulla fragilità e l’insicurezza dell’edificio e le raccomandazioni, ricevute il giorno prima del crollo, di non consentire l’ingresso ai lavoratori. Tra gli altri ci sono anche sette proprietari della fabbriche ospitate nell’edificio, inizialmente accusati di omicidio colposo, e dodici funzionari di governo che avevano la responsabilità di condurre ispezioni sulla sicurezza della struttura. Se saranno giudicati colpevoli, gli imputati rischiano la pena di morte. Gli inquirenti hanno fatto sapere che una prima udienza si terrà il 28 giugno.

Rana è accusato insieme ad altre diciassette persone anche di avere violato il regolamento edilizio, per avere trasformato illegalmente il palazzo, che inizialmente era alto sei piani e aveva ricevuto l’approvazione per essere usato come centro commerciale, in un complesso industriale di nove piani.

Gli operai delle fabbriche tessili ospitate nel Rana Plaza producevano vestiti anche per le aziende occidentali. Nel crollo sono morte 1.130 persone, mentre circa 2.500 sono state tratte in salvo. Il crollo del Rana Plaza è stato il più grave incidente mai avvenuto in una fabbrica dal disastro di Bhopal, in India, del 1984.