NUOVE NOTIZIE

Notizie
NUOVE NOTIZIE

A Charleston riapre la chiesa della strage, l’Fbi indaga su un blog razzista

Sul web un vero e proprio manifesto razzista di Dylann Roof, l’autore dell’assalto, accompagnato da molte sue foto, dove compare con la pistola e mentre brucia la bandiera statunitense


  • 24 Giu 2015 21.44

Il sospettato per la sparatoria di Charleston affronterà l’accusa di odio razziale

Il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti probabilmente accuserà di crimine motivato dall’odio razziale l’uomo sospettato per la strage nella chiesa di Charleston, in South Carolina. Lo scrive il New York Times, citando fonti della polizia federale.

Dylann Roof, di 21 anni, deve già affrontare nove accuse di omicidio presso il tribunale del South Carolina, che potrebbe anche condannarlo a morte alla fine del processo. Ma secondo il quotidiano statunitense, tra i funzionari del dipartimento di giustizia e dell’Fbi è diffusa l’opinione che la sparatoria è stata così orribile e con un chiaro sfondo razzista, che il governo federale si sente obbligato ad aggiungere anche quest’accusa.

  • 23 Giu 2015 08.13

Il South Carolina chiede la rimozione della bandiera confederata

Una manifestazione a favore dei diritti dei neri tre giorni dopo la sparatoria nella chiesa di Charleston, il 20 giugno 2015.

La governatrice del South Carolina, Nikki Haley, ha chiesto la rimozione della bandiera confederata dallo spiazzo davanti al parlamento dello stato. La bandiera, simbolo dei sudisti durante la guerra civile negli Stati Uniti, è stata esibita da Dylann Roof, il presunto responsabile della sparatoria nella chiesa di Charleston, avvenuta nella notte tra il 17 e il 18 giugno, nella quale sono state uccise nove persone.

Secondo la governatrice, la bandiera è un simbolo di divisione e di odio razziale. I figli dei veterani confederati, un’associazione dei discendenti dei soldati degli Stati confederati d’America, che nel 1861 dichiararono la secessione dagli Stati Uniti, si sono invece schierati contro la rimozione della bandiera, definendola un simbolo del proprio patrimonio culturale e storico. L’autorizzazione a rimuovere la bandiera potrà essere data solo con una votazione del parlamento dello stato.

Qualche ora dopo l’annuncio della governatrice, la multinazionale statunitense Walmart ha dichiarato che non venderà più nessun prodotto che esponga la bandiera confederata.

pubblicità
  • 22 Giu 2015 21.53

Stati Uniti, l’ispiratore di Dylann Roof ha finanziato candidati repubblicani

Il leader di un gruppo di suprematisti bianchi che avrebbe influenzato Dylann Roof, il presunto autore della strage in una chiesa di Charleston, negli Stati Uniti, ha finanziato con decine di migliaia di dollari le campagne elettorali di Ted Cruz, Rick Santorum e Rand Paul, candidati repubblicani alle primarie in vista delle elezioni presidenziali del 2016.

Earl Holt, presidente del Council of conservative citizens (Cofcc), ha donato 65mila dollari a diversi politici repubblicani negli ultimi anni. Periodo in cui molti commenti online, provocatori e razzisti, sono stati diffusi a suo nome. In uno di questi si legge che i neri sono “la razza più stupida, più pigra e più criminale nella storia del mondo”. La sua organizzazione, conservatrice e nazionalista con sede nel Missouri, è stata citata in manifesto razzista pubblicato sul blog di Dylann Roof, il ragazzo di 21 anni accusato di aver ucciso nove persone in una chiesa di Charleson il 17 giugno.

Ted Cruz, che ha ricevuto 8.500 dollari da Holt in donazioni effettuare a partire dal 2012, si è impegnato a restituire tutto. Anche Rand Paul non userà i contributi ottenuti da Holt, pari a 2.500 dollari, ma li destinerà a un fondo per le vittime della tragedia di Charleston, nel South Carolina. Hanno ottenuto finanziamenti dal militante razzista anche Rick Santorum (1.500 dollari) e diversi parlamentari, tra cui il senatore Jeff Flake dell’Arizona, il senatore Rob Portman dell’Ohio, l’ex deputato Michele Bachmann del Minnesota, l’ex deputato Steve King dell’Iowa e l’ex deputato Todd Akin del Missouri.

  • 22 Giu 2015 09.18

Il ponte della tolleranza

In migliaia hanno marciato sul principale ponte di Charleston, in South Carolina, Stati Uniti, per mostrare solidarietà alla comunità nera e alle vittime della sparatoria nella chiesa episcopale metodista Emanuel African, nella notte tra il 17 e il 18 giugno.

La marcia sul ponte di Charleston, il 21 giugno.
Un momento di silenzio durante la marcia, il 21 giugno.
Sul ponte di Charleston, il 21 giugno.
  • 21 Giu 2015 14.56

A Charleston riapre la chiesa della strage, l’Fbi indaga su un blog razzista

Riapre per le funzioni domenicali la chiesa episcopale metodista Emanuel African di Charleston in South Carolina, dove il 17 giugno nove persone sono morte in un assalto armato. I parrocchiani hanno già detto di aspettarsi una folla di persone e, d’altronde, tanti fedeli si erano già raccolti in preghiera all’esterno dell’edificio di culto nei giorni scorsi. Nel frattempo, gli inquirenti stanno indagando su un blog pubblicato in febbraio dallo stesso Dylann Roof, l’autore della strage. Un vero e proprio manifesto razzista accompagnato da molte sue foto, dove compare con la pistola e mentre brucia la bandiera statunitense.

Roof ha scritto, tra l’altro: “Non ci sono skinhead, non esiste un vero Ku Klux Klan, nessuno fa nulla eccetto parlare sul web. Bene, qualcuno deve avere il coraggio… Credo di essere io la persona… Non ho scelta. Non sono nella posizione di andare da solo nel ghetto e combattere”.

Nel messaggio, il giovane ha annunciato la sua intenzione di colpire proprio a Charleston. L’omicida ha intitolato il blog “l’ultimo rhodesiano”, in omaggio all’ex colonia africana. I neri vi vengono descritti come “stupidi e violenti”, i latini come nemici mentre gli asiatici sono presentati come possibili alleati. L’Fbi sta studiando il testo per dimostrare come la strage sia stata premeditata e preparata.

pubblicità
  • 20 Giu 2015 12.51

Veglia per i morti di Charleston, Obama attacca il congresso sulle armi

Diverse centinaia di persone si sono date appuntamento nella serata del 19 giugno a Charleston in South Carolina, per ricordare le nove vittime della sparatoria del 17 giugno dentro la chiesa metodista di Calhoun street.

La veglia in ricordo delle vittime della sparatoria nella chiesa episcopale metodista Emanuel African di Charleston in South Carolina, il 19 giugno 2015.
La veglia fuori dalla chiesa episcopale metodista Emanuel African di Charleston in South Carolina, il 19 giugno 2015.
Preghiera fuori dalla chiesa episcopale metodista Emanuel African di Charleston in South Carolina, il 19 giugno 2015.

Poche ore prima c’era stata la prima apparizione davanti a un giudice del presunto responsabile, Dylann Roof, 21 anni, per cui è stato confermato il carcere con il rinvio a giudizio su nove capi di imputazione per omicidio. Le prime due udienze sono state fissate per il prossimo ottobre e per febbraio del 2016.

Quando è comparso davanti al giudice, in videoconferenza per motivi di sicurezza, Roof è rimasto in silenzio, salvo confermare la sua identità, residenza e il fatto di non avere un’occupazione. Hanno invece parlato, per l’emozione di tutti, i familiari delle persone uccise che hanno voluto perdonare pubblicamente il giovane. “Non abbraccerò più mia madre, non le parlerò mai più, ma ti perdono” ha dichiarato la figlia di una delle vittime, Ethel Lance, 70 anni.

In un tweet, il presidente statunitense Barack Obama ha commentato: “In mezzo alla tragedia più buia, il decoro e la bontà del popolo americano brillano attraverso queste famiglie”.

Incontrando i sindaci statunitensi a San Francisco, Obama ha poi fatto un duro intervento a favore dell’inasprimento delle leggi sul possesso di armi da fuoco, attaccando il congresso. Chi ha sparato in South Carolina, ha ricordato, voleva scatenare una “guerra razziale”. Il presidente ha parlato di un paese “sotto choc”, in cui fatti come questi “lacerano il tessuto di una comunità” e “costano molto cari”. “Più di undicimila americani sono stati uccisi da armi da fuoco nel solo 2013” ha ricordato Obama.

  • 19 Giu 2015 21.48

L’autore della strage di Charleston si è dichiarato colpevole davanti al giudice

Dylann Roof , il responsabile della strage nella chiesa di Charleston, in South Carolina, si è presentato davanti al giudice per rispondere dei nove capi di accusa che pendono su di lui. Le autorità hanno fissato la cauzione a 1 milione di dollari. Il ragazzo di 21 anni si è dichiarato colpevole davanti alla corte e rischia la pena di morte.

  • 19 Giu 2015 16.01

Il razzismo è letale negli Stati Uniti perché è troppo facile comprare armi

Gli Stati Uniti non hanno il monopolio sul razzismo, ma ciò che rende il razzismo letale nel paese è la facilità con cui le persone possono acquistare armi, scrive il Guardian. Di seguito una serie di infografiche che mostrano il consenso sui controlli alla vendita delle armi domestiche dei cittadini americani e la distribuzione dei possessori di armi tra i vari stati.  Leggi

  • 19 Giu 2015 14.19

Per la governatrice del South Carolina l’autore della strage di Charleston merita la condanna a morte

La governatrice del South Carolina Nikki Haley ha sostenuto che il responsabile della strage di Charleston merita di essere condannato a morte. In un’intervista al Today show della Nbc, Haley ha dichiarato che il suo stato è profondamente ferito dall’uccisione di “nove persone innocenti”, esprimendo l’auspicio che l’autore della sparatoria sia “condannato a morte”.

Haley ha poi aggiunto di preferire che Dylann Roof, 21 anni e sospettato del crimine motivato da odio razziale, sia processato sulla base delle leggi del South Carolina invece che in un processo federale. “Sappiamo che, ancora una volta, persone innocenti sono state uccise perché qualcuno che voleva fare del male non ha avuto difficoltà a mettere le mani su una pistola”, ha commentato il presidente statunitense Barack Obama. “A un certo punto, dovremo fare i conti con il fatto che questo tipo di violenza di massa non esiste in altri paesi avanzati”, ha aggiunto.

Il presidente, che conosceva personalmente una delle vittime, il reverendo e senatore Clementa Pinckney, ha sostenuto che questo genere di fatti debba riportare l’attenzione sulla necessità di prevenire la diffusione di armi. Gli Stati Uniti non hanno il monopolio sul razzismo, ma ciò che rende il razzismo letale nel paese è la facilità con cui le persone possono acquistare armi, scrive il Guardian.

  • 18 Giu 2015 18.46

Arrestato il presunto omicida della chiesa di Charleston

Dylann Roof in un’immagine diffusa oggi dalla polizia di Charleston.

Dylann Roof, il presunto omicida della chiesa di Charleston, è stato arrestato a Shelby, nel North Carolina. Al momento dell’arresto si trovava nella sua auto e non ha opposto resistenza. Dylann Roof, 21 anni, è accusato di aver ucciso nove persone nella Emanuel Ame, una chiesa frequentata dalla comunità afroamericana di Charleston.

Secondo le autorità si è trattato di un omicidio a sfondo razziale e Roof ha agito da solo. Le vittime sono sei donne e tre uomini. Tra i morti c’è anche il pastore e senatore democratico Clementa Pinckney, 41 anni.

Durante una conferenza stampa, il presidente statunitense Barack Obama ha espresso rabbia e tristezza per la vicenda e ha dichiarato: “Troppe volte ho dovuto commentare l’uccisione di innocenti perché qualcuno non ha avuto problemi a procurarsi una pistola”.

pubblicità
  • 18 Giu 2015 18.21

Barack Obama commenta la sparatoria di Charleston

Il presidente degli Stati Uniti ha annunciato una conferenza stampa per commentare la sparatoria alla Emanuel Ame, una chiesa frequentata dalla comunità afroamericana di Charleston. Dylann Roof, 21 anni, ha aperto il fuoco e ha ucciso nove persone. L’uomo è stato arrestato in seguito nel North Carolina.


  • 18 Giu 2015 17.25

Dylann Roof, il presunto omicida della chiesa di Charleston, è stato arrestato nel North Carolina. Lo dichiara un funzionario delle forze dell’ordine. Cnn

  • 18 Giu 2015 16.32

Il presunto omicida della chiesa di Charleston è stato identificato, si chiama Dylann Storm Roof, ha 21 anni. È originario di Lexington, South Carolina. Bbc

  • 18 Giu 2015 13.58

Cosa sappiamo finora della sparatoria a Charleston

La polizia della città statunitense di Charleston, in South Carolina, ha tenuto una conferenza stampa sulla sparatoria avvenuta la notte scorsa alla Emanuel Ame, una chiesa frequentata dalla comunità afroamericana della città. Un uomo ha aperto il fuoco e ha ucciso nove persone. Ecco cosa sappiamo finora della vicenda:

  • Le nove vittime della sparatoria sono sei donne e tre uomini. L’unica vittima identificata è il pastore e senatore democratico Clementa Pinckney, 41 anni. Dopo la sparatoria, solo una delle vittime è stata portata in ospedale, dove è deceduta dopo poco tempo.
  • Ci sono tre sopravvissuti. La polizia li sta interrogando per avere nuovi indizi. Secondo le prime indiscrezioni, uno di loro sarebbe stato risparmiato dall’omicida per raccontare quello che aveva visto. Ma questa informazione non è stata confermata dalle forze dell’ordine.
  • La polizia ha diffuso una foto del sospetto, identificato come un uomo bianco tra i 20 e i 25 anni. Le immagini, nelle quali si vede anche la sua automobile, sono state riprese dalle telecamere di sicurezza. L’uomo, definito “un individuo armato e molto pericoloso”, è ancora in fuga, ma non dovrebbe essersi allontanato troppo da Charleston.
  • La polizia ha confermato la pista del crimine a sfondo razziale. Prima di aprire il fuoco, l’uomo sarebbe rimasto per circa un’ora dentro la chiesa , dove si stava svolgendo una funziona religiosa.
  • Anche diversi agenti dell’Fbi, arrivati da Washington, stanno partecipando alle indagini e alle ricerche.
  • 18 Giu 2015 10.53

Dopo la sparatoria a Charleston

Un poliziotto chiude una strada vicino alla chiesa di Charleston, in South Carolina, dove un uomo è entrato e ha sparato, uccidendo nove persone.
Un uomo piange vicino al luogo della sparatoria a Charleston.
Una donna partecipa a una preghiera collettiva, dopo la sparatoria a Charleston.
pubblicità
  • 18 Giu 2015 07.27

Spari in una chiesa di Charleston negli Stati Uniti, nove morti

Un uomo si è introdotto in una chiesa frequentata dalla comunità afroamericana, a Charleston in South Carolina, e ha sparato uccidendo nove persone. L’attentatore, un uomo bianco sui vent’anni, indossava jeans e una felpa grigia, come ha riferito la polizia in una conferenza stampa.

Nonostante un imponente dispiegamento di forze, compresi mezzi aerei, a qualche ora dalla sparatoria – avvenuta poco dopo le nove di sera (le 3 del mattino in Italia) – il responsabile non è stato ancora arrestato. Il capo della polizia locale, Gregory Mullen ha descritto l’attacco come un crimine a sfondo razziale.