Il 4 settembre dieci persone sono state uccise in una serie di accoltellamenti nella provincia del Saskatchewan, in Canada. Secondo la polizia, i responsabili sarebbero Damien e Myles Sanderson, due fratelli di 31 e 30 anni. Il primo è stato trovato morto il 5 settembre, il secondo è in fuga. “Si sa ancora poco dei motivi dell’attacco”, scrive il Toronto Star. Molte delle persone prese di mira vivevano in una comunità di nativi. Il capo della Federazione delle nazioni indigene ha detto che gli attacchi potrebbero essere legati al traffico di droga.

Questo articolo è uscito sul numero 1477 di Internazionale, a pagina 33. Compra questo numero | Abbonati