I libri italiani letti da un corrispondente straniero. Questa settimana la freelance norvegese Eva-Kristin Urestad Pedersen.

Se non vi piacciono le statistiche forse questo non è un libro per voi. O ripensandoci, forse è proprio per voi. Le signore non parlano di soldi è un vulcano di numeri. Azzurra Rinaldi, però, riesce a presentarli in un modo che non dovrebbe spaventare nessuno. Anzi, sono accessibilissimi, ma non per quello sono meno interessanti. Chi sa, per esempio, che un terzo delle italiane non ha un conto corrente? O che il tasso d’occupazione femminile in Italia nel 2020 era del 49 per cento, contro una media europea del 63 per cento? Oppure che in Campania e Sicilia lo stesso tasso scende al 29,1 per cento? Probabile quindi che in pochi sappiano quanto possa essere redditizio un approccio femminile alla finanza, cioè che più donne in ruoli di responsabilità all’interno di un’azienda generano più ricavi. Sono alcune cose che si possono imparare leggendo questo saggio. Io l’ho fatto e anche se mi sono un po’ persa nel ragionamento – noi donne dobbiamo combattere una cultura educativa che sottolinea l’empatia e la cura come valori femminili o sfruttare questi valori in modi inediti – posso dire che senza dubbio è uno dei libri più informativi che abbia mai letto. E ormai ne ho letti tanti. ◆

Internazionale pubblica ogni settimana una pagina di lettere. Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi di questo articolo. Scrivici a: posta@internazionale.it

Questo articolo è uscito sul numero 1505 di Internazionale, a pagina 90. Compra questo numero | Abbonati