12 dicembre 2014 11:48

I servizi segreti britannici si sono messi in contatto con quelli statunitensi prima della pubblicazione del rapporto sui metodi brutali usati dalla Cia per interrogare i presunti terroristi. Lo ha dichiarato una portavoce del governo, ammettendo che alcuni riferimenti al ruolo dell’intelligence britannica potrebbero essere stati eliminati.

Questa ammissione sembra contrastare con le precedenti dichiarazioni del governo, che assicuravano che le revisioni richieste erano giustificate da motivi di “sicurezza nazionale” e non riguardavano la partecipazione dei servizi britannici agli interrogatori o agli arresti extragiudiziali dei presunti terroristi.

Aumentano i sospetti che il rapporto possa essere stato modificato per nascondere il coinvolgimento dei paesi alleati degli Stati Uniti nel programma di tortura messo in piedi da Washington dopo l’11 settembre. The Guardian