Sommario

102 (27 ottobre 1995)

Se il Canada si spacca

Il 30 ottobre 1995 gli abitanti del Québec decideranno con un referendum se separarsi dal Canada.

102 (27 ottobre 1995)

Francia

Un trait d’union

Il fotografo Jean Gaumy ha seguito per cinque anni la costruzione del Pont de Normandie. È il più grande ponte a tiranti del mondo e, attraversando l’estuario della Senna, collega il porto di Le Havre, in alta Normandia, alla parte bassa della regione.

Documento

Tulipani olandesi e mercati emergenti

Fino alla metà degli anni Novanta, la Banca mondiale, il fondo monetario e gli Stati Uniti imponevano le loro regole ai paese in via di sviluppo. Sembrava una nuova età dell’oro. Poi è arrivata la crisi messicana. E la fine di un’illusione. Il futuro del libero mercato secondo Paul Krugman.

pubblicità

Tecnologia

La politica estera della Microsoft

Thomas E. Friedman, The New York Times.

India

La storia ci tiene legati mani e piedi

Salman Rushdie è di nuovo al centro delle polemiche. Questa volta in India, dove ha suscitato le ire degli indù. In occasione dell’uscita del suo ultimo romanzo, il Times of India ha incontrato lo scrittore.

Visti dagli altri

I fallimenti della Farnesina

Daniel Williams, Washington Post.

pubblicità

Africa

Il viaggio dell’Aids intorno al mondo

Esiste un rapporto tra movimenti migratori e diffusione del virus Hiv? I dati raccolti in Africa dicono di sì. Ma la vera causa del fenomeno sarebbero le caratteristiche di alcuni tipi di migrazione. E in particolare la disgregazione del tessuto sociale. L’analisi del settimanale Lancet.

Opinioni

Quale sarà la missione futura dell’Onu, finite le celebrazioni del cinquantesimo anniversario? Secondo il politologo britannico Michael Ignatieff, il mondo che viene sarà violento.

Canada

Ancora una volta il Québec s’interroga sull’indipendenza

Il 30 ottobre gli abitanti del Québec votano per il referendum sulla sovranità della provincia. Sono secoli che cercano di veder riconosciuta la loro identità. I contrari prevedono difficoltà economiche e isolamento, i favorevoli fanno appello alla cultura francese che sta scomparendo.

America centrale

Soldi contro alberi nella foresta pluviale

È l’unico paese al mondo a possedere l’80 per cento della foresta pluviale tropicale com’era ai tempi di Cristo. È un patrimonio del genere umano, ma anche una ricchezza che potrebbe essere sfruttata. Il Suriname è indeciso tra le pressioni ambientaliste e quelle economiche.

Germania

Volkswagen, l’impresa che respira

“Quando il mercato langue, i polmoni della Vw si contraggono e i dipendenti lavorano solo 28 ore alla settimana. Quando il mercato tira, gli operai timbrano dieci ore in più, senza ricevere gli straordinari”. Settimana corta e flessibilità secondo l’industria automobilistica tedesca.

pubblicità

Senegal

I giovani di Dakar, senza un soldo ma all’ultima moda

Per tenersi al passo con i tempi, gli adolescenti dell’epoca della svalutazione si danno da fare. I jeans firmati sono il frutto di un complicato baratto. Le scarpe di marca vengono invece pagate a rate. E poi tutti in discoteca a sfoggiare i nuovi acquisti.

Diritti umani

Una polizia violenta e corrotta

Bob Herbert, The New York Times.

Bosnia Erzegovina

La colonna infernale dei disperati di Srebrenica

I bombardamenti Nato e le speranze di pace hanno fatto dimenticare Srebrenica. Migliaia di bosniaci sono fuggiti dall’enclave a piedi, attraverso la foresta, per sottrarsi alle forze serbe. Molti sono morti per le imboscate e le esecuzioni sommarie. Il racconto dei sopravvissuti.

Diplomazia

Verso le elezioni ma con apatia

Fiona Neill, Reuter.

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.