Sommario

112 (12 gennaio 1996)

Guerre in corso

La mappa dei conflitti nel mondo, di quelli in via di soluzione e di quelli che rischiano di esplodere.

112 (12 gennaio 1996)

L'ultima

Le mattine senza giornale

Antonio Munoz Molina.

Israele

L’ombra dei clan sulle elezioni

La vittoria di Arafat nelle elezioni palestinesi sembra scontata. Gli unici contendenti che minacciano il suo pieno successo sono gli esponenti delle grandi famiglie.

pubblicità

Stati Uniti

L’Africa a New York

C’è chi dice che New York sia la città più africana del mondo perché racchiude in sé l’Africa intera, con tutte le sue diversità. Le foto Gideon Mendel.

Cultura

Sulla cecità del mondo

Il nuovo romanzo dello scrittore portoghese José Saramago su una società che ha occhi ma non vede.

Russia

Un mondo in guerra

Il1995 si è chiuso senza nessun grande conflitto tra Stati. Aumentano, invece, le guerre civili, etniche ed esportate. La democrazia resta il miglior antidoto.

pubblicità

Bosnia Erzegovina

La Bosnia nell’era dello shopping

All’indomani della pace di Dayton, la scrittrice americana Susan Sontag riflette sull’indifferenza degli intellettuali occidentali nei confronti dell’ex Jugoslavia.

Cultura

La resurrezione dell’Irlanda

Dopo anni di stagnazione, oggi la cultura irlandese è all’avanguardia in tutto il mondo. Ritratto di Michael D. Higgins, il ministro della rinascita.

Economia

Interviste sull’economia argentina

Luci e ombre del modello economico del paese secondo l’economista statunitense Paul Krugman e il ministro argentino Domingo Cavallo.

Scienza e tecnologia

Il pericolo nucleare viene dall’Est

A 39 chilometri dalla Norvegia si trovano le scorie di centro reattori atomici russi.

Società

L’industria del sesso

Il nuovo benessere asiatico sta alimentando un boom del mercato del sesso. E il timore dell’Aids non frena, ma al contrario incoraggia il traffico di minorenni.

pubblicità

Società

Un milione di persone al mercato

Il mercato all’aperto di Luanda, in Angola, è senz’altro uno dei più grandi del mondo. Si estende su tre chilometri e ci si può trovare di tutto: dagli esseri umani ai biscotti.

Visti dagli altri

Addio Cinecittà

Malgrado l’opposizione dei sindacati, il governo vuole privatizzare gli studi di Cinecittà. L’industria cinematografica italiana vista da Le Monde.

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.