Sommario

150 (4 ottobre 1996)

Il mito della pax americana

Analisi e commenti da The Guardian, Jerusalem Post, The Jerusalem Times, Al-Hayat, The Nation, Al Quds Al-Arabi.

150 (4 ottobre 1996)

Burundi

Burundi, cronaca di un golpe

Due mesi fa un militare ha preso il potere. Riuscirà a fermare la guerra strisciante tra hutu e tutsi? Colette Braeckman racconta i giorni del colpo di Stato.

Economia

L’alibi delle guerre commerciali

Gli Stati Uniti hanno trasformato il terrorismo da minaccia contro le persone a minaccia contro i propri interessi economici. Ma i partner occidentali non ci stanno.

pubblicità

L'ultima

Esportatori di morte

Oscar Arias.

Società

Le rivendicazioni delle ex mogli giapponesi

In caso di divorzio, le donne stanno imparando a far valere i propri diritti. Aiutate dal nuovo Codice civile.

Guatemala

Guatemala, il rinascimento Maya

Continua il dialogo fra i popoli indigeni. Gli intellettuali vogliono fondare una nuova identità, politica e culturale. Ma devono allargare la base sociale.

pubblicità

Cultura

La Beatlemania oltre il Muro di Berlino

In piena Guerra fredda, l’arrivo dei Quattro di Liverpool nell’allora Germania Est lasciò il segno.

In copertina

Il mito della Pax Americana

Il processo di pace in Medio Oriente è in crisi profonda, forse irreversibile. Dall’Afghanistan al Mediterraneo, la politica americana si sta rivelando un fallimento.

Francia

Il governo del popolo

Francia 1936: il Fronte popolare vince le elezioni. Si impegna a difendere la Terza Repubblica dall’avanzata del fascismo. Le foto di Robert Capa.

Europa

Euro Post

Dati, fatti e progetti sul futuro del continente. Numero 1, giugno 1995.

Scienza

Il nome della stella

Come ha fatto Frank Zappa a diventare un asteroide e Jane Austen un cratere? L’Independent on Sunday spiega come vengono dati i nomi ai corpi celesti.

pubblicità

Cultura

Censura o vergogna?

Negli Stati Uniti l’arte è veramente libera da ogni forma di controllo? Sì, e spesso ne approfitta, scrive Roger Kimball su Index on Censorship.

Americhe

In Québec è ricominciata la guerra linguistica

Nuovi incidenti e crescenti rivendicazioni di anglofoni e francofoni radicalizzano la vita politica canadese.

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.