Sommario

66 (17 febbraio 1995)

Afghanistan: la guerra dimenticata

Kabul, la guerra di tutti contro tutti.

66 (17 febbraio 1995)

Cina

Come cambierà la Cina dopo Deng?

Mentre tutti sanno che la morte del vecchio Deng Xiaoping è imminente, i sinologi si chiedono che tipo di Cina seguirà. Molti prevedono una rottura. Altri pensano che il centro terrà e le riforme continueranno. Un’analisi del settimanale di Hong Kong.

Sudafrica

Phelophepa, il treno della salute

È un treno che gira nelle zone rurali più poveri del Sudafrica e offre cure mediche di base alla popolazione. Il programma sanitario è stato ideato da Jannie Ferreira, della Rand Afrikaans University. Le foto di Martin Pope.

pubblicità

Opinioni

Opinioni a confronto. Clare Bayley, The Independent e Sarah Hemming, The Financial Times.

Spagna

Il Prado sta andando alla deriva

“È una vecchia istituzione, ha alle spalle 175 anni. Ma ha perduto ormai da molto tempo il fascino dei vecchi musei”. Le opere sono conservate male, c’è poca igiene, scarsa manutanzione. E le autorità non si preoccupano, sostiene il critico d’arte del Mundo.

Medio Oriente

I misteriosi affari dei telefoni palestinesi

Nel 1993 Arafat si era impegnato a ristrutturare il sistema telefonico palestinese. Oggi la vecchia rete è diventata il simbolo della confusione e dell’apparente inettitudine che hanno caratterizzato la maggior parte delle scelte economiche di Arafat.

pubblicità

Afghanistan

Kabul, la guerra di tutti contro tutti

Dopo tre anni di guerra civile, la capitale afgana offre uno spettacolo di desolazione. I mujahidin sfilano lungo la linea che attraversa la città. E la popolazione sopravvive grazie ai mille mestieri nati dalla guerra. Un reportage dello scrittore francese Olivier Rolin.

Egitto

È arrivato il Ramadan, gli egiziani ascoltano i radiodrammi

Durante il Ramadan, il nono mese del calendario musulmano, c’è l’obbligo di digiuno dall’alba al tramonto. Al Cairo, calato il sole, si comincia a mangiare e si accende la radio. Radionovelas appassionanti usate come strumento di propaganda governativa.

Bulgaria

La lotta di Aung San Suu Kyi contra la dittatura dei generali

Nobel per la pace nel 1991, agli arresti domiciliari dal 1989, la figlia dell’eroe dell’indipendenza birmana non desiste.

Irlanda del nord

La lunga marcia di Gerry Adams

Nel 1983 John Ware realizzò per la televisione un ritratto al vetriolo del leader del Sinn Fein. Oggi è autore di un nuovo servizio televisivo sul dirigente irlandese. Ma i tempi sono cambiati e con loro, secondo Ware, è cambiato anche Adams.

Egitto

Al Ahram, indipendente ma non troppo

Il più importante quotidiano egiziano sarebbe ben contento di sfuggire al suo soprannome di Gazzetta ufficiale. Ma non è sempre facile stare in equilibrio tra un’indipendenza concessa dall’alto e le richieste del potere.

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.