Sommario

94 (1 settembre 1995)

Un mondo senza acqua

Quasi la metà della popolazione mondiale non ha abbastanza acqua da bere. E la domanda raddoppia ogni ventun’anni

94 (1 settembre 1995)

Stati Uniti

Cosa c’è che non va a Hollywood?

Dove sono finiti i buoni film? Perché nessuno riesce più a produrre pellicole interessanti? Sono diventati tutti idioti? No, risponde John H. Richardson. La soluzione è più complessa e ha a che vedere con la montagna di soldi che gira intorno a ogni produzione.

liberia

Sei anni dopo l’inizio della guerra

Venance Konan, autore di un celebre reportage dalla Liberia nel 1991, è tornato nel paese africano. Sette fazioni si contendono il potere, appoggiate più o meno esplicitamente dalla Nigeria, dalla Costa d’Avorio e dal Burkina Faso. I signori della guerra sono pronti per la pace?

pubblicità

In copertina

In un mondo senza acqua

Le guerre del prossimo secolo non si faranno per motivi politici o per il petrolio ma per l’acqua. L’avvertimento viene dalla Banca mondiale. L’offerta di acqua non riesce a soddisfare la domanda. Dalla Gran Bretagna alla Giordania problemi e soluzioni alla questione idrica.

India

E se ne vanno gli ultimi treni a vapore

Entro la fine del 1996 tutte le locomotive a vapore che per un secolo hanno caratterizzato il paesaggio del paese verranno sostituite. E sparirà anche tutto un mondo di carbone, fumo e fatica. Le foto di Stephen Dupont.

Messico

Elogio della rilettura

Il 1995 sarà l’anno in cui i lettori messicani subiranno una delle metamorfosi più radicali. Di fronte alla scarsezza e al costo elevato delle novità editoriali, smetteranno di leggere per trasformarsi in rilettori, in coltivatori di quell’orticello privato che è la propria biblioteca.

pubblicità

Russia

Verso la spartizione della Cecenia?

Secondo il settimanale russo Moskovskie Novosti, se russi e ceceni non riuscissero a raggiungere un completo accordo politico sullo status della repubblica, Mosca potrebbe mirare allo smembramento della Cecenia. Al quale parteciperebbero, entusiaste, le repubbliche vicine.

Visti dagli altri

Antonio Bassolino o l’eucaristia napoletana

Ex membro dell’apparato del Partito comunista italiano, il sindaco di Napoli tenta di redimere la sua città. Vuole restituirle la bellezza, restaurare l’autorità amministrativa, sviluppare l’industria del turismo. Gli inviati di Le Monde sono andati a controllare.

Stati Uniti

Topolino e il pifferaio magico

Cosa cambierà con la fusione tra la rete televisiva statunitense Abc e Walt Disney? Come reagiranno le altre industrie dello spettacolo e dell’informazione? Che ripercussioni si avranno nel resto del mondo? Dalla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti due diverse risposte.

Estremo oriente

Un arabo a Tokyo

Edward Said, professore arabo che vive e lavora negli Stati Uniti, è andato in Giappone e Corea del Sud per alcune conferenze. Le riflessioni di un intellettuale sull’identità asiatica e il miracolo economico dei paesi dell’Estremo Oriente. E il confronto con il mondo arabo.

Ex Jugoslavia

Angeli e uomini: La Croazia e i luoghi comuni

È sufficiente l’offensiva contro la Krajina per stabilire che i croati si comportano come i miliziani di Mladic e che la fuga dei serbi da Knin è l’equivalente della deportazione degli abitanti di Srebrenica?

pubblicità

Opinioni

Opinioni a confronti. Marcel Reich-Ranicki, Der Spiegel.

Società

Il vizio del lavoro è in agguato

Carlos Fresneda, El Mundo.

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.