I detenuti nelle carceri italiane sono diminuiti rispetto al 2013

Il sovraffollamento negli istituti carcerari rimane alto , con un tasso del 108 per cento

I detenuti nelle carceri italiane sono diminuiti rispetto al 2013

I detenuti nelle carceri italiane sono 53.982 (al 28 febbraio 2015), circa trecento in più rispetto al dicembre del 2014, ma circa ottomila in meno rispetto al 2013. Tuttavia gli istituti carcerari italiani continuano a essere sovraffollati. I posti letto, infatti, sono 49.943 e il tasso di affollamento è del 108 per cento, ci sono 108 detenuti ogni 100 posti letto. Se si tiene conto di reparti chiusi e non agibili, il tasso di affollamento sale al 118 per cento.

Nelle carceri europee i detenuti sono un milione e 737mila, in calo di circa centomila unità rispetto all’anno precedente. Lo afferma l’XI Rapporto nazionale sulle condizioni di detenzione in Italia, pubblicato dall’associazione Antigone.

Il 31 dicembre 2013 i detenuti erano 62.536, alla fine del 2011 erano 66.897. In tre anni i detenuti sono diminuiti di 12.915 unità. Askanews

Il carcere va abolito

Dovrebbe rieducare e invece serve solo a punire, aumentano i suicidi e i casi di recidivi. Anche se nella mentalità collettiva non è immaginabile una pena che prescinda dalla reclusione, non è sempre stato così. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.