Zambia, il nuovo presidente è Edgar Lungu 

Le consultazioni sono state organizzate dopo la morte dell’ex presidente Michael Sata. Edgar Lungu ha vinto con il 48,33 per cento delle preferenze. Resterà in carica per i 18 mesi che mancavano a Sata per finire il suo mandato. Nel 2016 ci saranno nuove elezioni

Edgar Lungu è il nuovo presidente dello Zambia

Edgar Lungu, 58 anni, candidato del Fronte patriottico (Pf), ha vinto le elezioni presidenziali nello Zambia conquistando il 48,33 per cento dei voti, battendo il suo rivale Hakainde Hichilema, candidato del Partito dell’unità per lo sviluppo nazionale (Unpd).

Per le strade della capitale i sostenitori del Pf hanno celebrato la vittoria del candidato. La polizia ha sparato gas lacrimogeni per impedire ai manifestanti di entrare nell’edificio dove era in corso l’annuncio dei risultati ufficiali. Jeune Afrique

Edgar Lungu in vantaggio alle elezioni nello Zambia

Edgar Lungu ha conquistato un leggero vantaggio sul rivale Hakainde Hichilema alle elezioni presidenziali nello Zambia. Con gli scrutini conclusi in 80 collegi su 150, Edgar Lungu, il candidato del partito al potere Patriotic front (Pf), ha raccolto il 50,8 per cento dei voti contro il 45,1 per cento conquistato da Hichilema, leader dello United party for national development (Upnd). Reuters

pubblicità
Gas lacrimogeni contro i sostenitori dell’opposizione in Zambia

La polizia dello Zambia ha lanciato gas lacrimogeni per disperdere centinaia di manifestanti dell’opposizione che si erano riuniti per protestare davanti all’ufficio in cui sono raccolti i risultati elettorali.

Diversi sostenitori di Hakainde Hichilema, considerato il principale rivale del candidato del partito al potere Edgar Lungu, sono stati fermati dalla polizia. Afp

Elezioni nello Zambia, in testa Edgar Lungu nei risultati parziali

Sono ancora in corso le elezioni presidenziali nello Zambia, cominciate ieri, dopo che forti piogge hanno interrotto le operazioni elettorali in molti seggi del paese.

Secondo i risultati parziali, è in testa Edgar Lungu, il candidato del partito al potere Patriotic front (Pf). I risultati di 14 dei 150 collegi elettorali mostrano che Lungu ha ricevuto 103.634 voti contro i 47.731 del suo principale sfidante, Hakainde Hichilema, dell’United party for national development (Upnd).

I risultati definitivi saranno dati domani. Reuters

Il voto dell’opposizione
pubblicità
In attesa di votare
Oggi si vota nello Zambia

Si aprono oggi i seggi per le elezioni presidenziali nello Zambia. Gli elettori dovranno scegliere il successore di Michael Sata, l’ex presidente morto il 29 ottobre all’età di 77 anni. I favoriti sono Edgar Lungu, ex ministro della difesa e membro del Patriotic front (il partito di Sata) e Hakainde Hichilema dello United party for national development. Entrambi i candidati hanno promesso di migliorare il sistema scolastico e creare nuovi posti di lavoro. Bbc

Domani elezioni presidenziali nello Zambia

Si svolgeranno domani le elezioni presidenziali anticipate nello Zambia, dopo che il leader e fondatore del partito al potere, Michael Sata, è morto lo scorso ottobre all’età di 77 anni. Il suo posto nel partito è stato preso da Edgar Lungu, 58 anni, considerato il candidato favorito del Patriotic front (Pf) per la vittoria elettorale. Lo sfidante di Lungu è Hakainde Hichilema, 52 anni, dell’United party for national development (Upnd). Al centro della campagna elettorale è stata l’industria del rame. Dopo la morte del presidente Sata, è stato nominato presidente ad interim Guy Scott. A novembre Scott è stato sospeso dal suo partito per “aver violato la costituzione”.

Il clima generale è disteso. Solo negli ultimi giorni a Lusaka, capitale del paese, si sono verificati piccoli incidenti: un cartellone di Hichilema è stato dato alle fiamme, forse in reazione all’incendio di una barca (riferimento allo slogan del Patriotic front, “Sali a bordo”). Episodi che, però, non hanno preoccupato i cittadini di Lusaka. Reuters, Misna

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.