Francesco Boille

Collabora con Internazionale e scrive di cinema e fumetti

Ho provato a raccogliere il testimone di Hugo Pratt

Marco Steiner racconta il suo incontro con il creatore di Corto Maltese e la scelta di seguire le tracce del marinaio. Leggi

Il desiderio di vita in 120 battiti al minuto

Nel suo terzo lungometraggio il francese Robin Campillo racconta una storia d’amore e morte e traccia il ritratto di un’epoca ben definita. Leggi

pubblicità
Venezia tra idee geniali e schizofrenia

A Mostra finita sorgono alcune domande gravi ma importanti sul futuro del festival, malgrado il lavoro di Barbera e Baratta sia tutt’altro che privo di meriti. Leggi

La vittoria di Guillermo del Toro e la sconfitta del cinema d’autore

Il palmarés di Venezia privilegia un film ordinario nonostante un concorso che proponeva un percorso interessante e titoli di qualità. Leggi

Quanti americani sulle spiagge del Lido

Moltissimi e non sempre convincenti i film statunitensi alla Mostra internazionale del cinema di Venezia. Ma ce ne sono di interessanti. Leggi

pubblicità
A Ciambra è un film dolcemente controcorrente

Jonas Carpignano realizza il ritratto di un giovane rom che vive vicino a Gioia Tauro. Il suo è un film originale che mostra gli emarginati con una nuova prospettiva. Leggi

La poesia sociale di Wang Bing vince il Pardo d’oro a Locarno 70

Il palmarès conferma che Locarno resta un luogo di scoperta, sperimentazione e contaminazione tra le forme più classiche e innovative del cinema odierno. Leggi

Wang e Cabeleira celebrano la forza della vita a Locarno 70

Due opere eccellenti come Mrs Fang e Verão danado caratterizzano finora questa edizione del festival di Locarno, da cui però sono assenti i capolavori. Leggi

Locarno 70 apre con tre donne in fuga dalla realtà e dai sogni

I film della francese Noémie Lvovsky, della georgiana Ana Urushadze e del tedesco Jan Speckenbach mettono a nudo i meccanismi della vita. Leggi

Hugo Pratt lungo la linea latina

E se il fumetto italiano avesse sviluppato una sua linea grafico-estetica molto apprezzata all’estero? Corto Maltese, nato cinquant’anni fa, è al centro di questa tendenza editoriale. Leggi

pubblicità
Ritorno a Cannes e ai suoi film

Chiusa la settantesima edizione del festival di Cannes ecco alcune considerazioni sulla selezione, il palmarès e sullo stato del cinema d’autore. Leggi

Sergej Loznitsa ci porta in una Russia caotica e surreale

Finalmente i film belli in concorso sono arrivati. C’è anche David Lynch, con l’ultima stagione di Twin Peaks. Leggi

L’occasione mancata di Sofia Coppola

The beguiled, remake del film del 1971 di Don Siegel, firmato dalla regista newyorchese non fa decollare il concorso per la Palma d’oro della 70ª edizione. Leggi

Il mediocre Happy end di Michael Haneke

Delude il film in concorso di Michael Haneke, mentre 120 battements par minute ci conquista. Leggi

La magia a metà di Wonderstruck

Grandi aspettative per la 70ª edizione del festival di Cannes. Wonderstruck di Todd Haynes inizialmente delude, ma alla fine si rivela un film imperdibile. Leggi

pubblicità
Di nuovo su I am not your negro

Qualche sottolineatura su un documentario che mette al centro la figura dello scrittore e intellettuale nero James Baldwin attraverso le sue stesse parole. Leggi

Song to song di Terrence Malick è quasi un’autoparodia

È imbarazzante recensire un film del genere se si pensa che l’ha realizzato un regista come Terrence Malick. Leggi

L’Africa di Leila Marzocchi

Su Internazionale 1203 c’è un reportage a fumetti di Leila Marzocchi dalla capitale del Senegal. È il frutto di una serie di laboratori organizzati a Dakar. Leggi

I am not your negro è una rivelazione

Il documentario di Raoul Peck pervade l’animo nel profondo e finora è il film più bello del 2017, insieme all’altro documentario d’autore Dawson City. Il tempo tra i ghiacci di Bill Morrison. Leggi

Dawson City e il miracolo del cinema ritrovato

Con il suo documentario, Bill Morrison è riuscito a sfruttare in chiave umanistica la miniera di tanti film muti ritrovati in una sperduta cittadina dello Yukon che visse il suo apogeo all’epoca della corsa all’oro. Un film che racconta, esalta e cristallizza la memoria di un mondo mitico ormai perduto. Leggi

pubblicità