Francesco Boille

Collabora con Internazionale e scrive di cinema e fumetti

La vita invisibile di Eurídice Gusmão, tra telenovela e cinema d’autore

La storia di due sorelle immerse in una cultura patriarcale è la metafora, o lo specchio, del Brasile passato e contemporaneo. Che si salverà solo spezzando una circolarità non più immutabile. Leggi

I premi di Venezia sono coraggiosi ma a volte discutibili

Premiando Joker la giuria dimostra che Venezia può attirare grandi produzioni hollywoodiane. Interessanti le opere nelle sessioni laterali che meriterebbero un maggiore confronto. Leggi

pubblicità
Alla mostra del cinema di Venezia tra storia e politica

Gloria Mundi, Martin Eden, The Jocker, The laundromat, J’accuse, sono film diversissimi che denunciano a loro modo la follia del sistema capitalistico. Leggi

Il Martin Eden di Pietro Marcello è libero da ogni confine

Il regista campano sostituisce la California con la Campania in una sapiente rivisitazione del novecento, di quello che è andato e mai più tornerà. Il novecento degli umili. Leggi

La Mostra del cinema di Venezia apre con troppa freddezza

Il Concorso si è aperto con il giapponese Hirokazu Kore-eda e la saudita Haifaa al Mansour, ma le prime emozioni arrivano con Ad astra di James Gray. Leggi

pubblicità
Igort porta il suo fumetto sul grande schermo

5 è il numero perfetto in versione cinematografica racconta Napoli in toni complementari ma diversi rispetto al graphic novel. Leggi

Locarno ha avuto il coraggio di premiare opere radicali

La 72ª edizione del festival si è chiusa con un fuoco d’artificio. Il bilancio nel complesso è più che positivo per la nuova direzione di Lili Hinstin, qui alla sua prima prova. Leggi

A Locarno spiccano le contraddizioni del mondo presente

Dalla fine delle libertà alla gentrificazione dall’infanzia rubata alle missioni spaziali, il festival continua a proporre opere che spingono a nuovi punti di vista. Leggi

Il festival di Locarno punta ancora di più sull’innovazione

Titoli d’autore, esordienti da tenere d’occhio e rassegne come Black light caratterizzano la 72ª edizione del festival. Leggi

Cannes ha lasciato senza premio alcuni capolavori

La Palma d’oro a Parasite è un po’ esagerata. Vi erano film più radicali, profondi e inattesi nel concorso che ha sorpreso per la sua qualità complessiva. Leggi

pubblicità
A Cannes Tarantino presenta un film sontuoso e abbagliante

Con Once upon a time… in Hollywood si conferma l’universo parallelo del regista. Sempre più al di fuori e al di sopra dei generi, come in un unico flusso. Leggi

Riesce a metà l’abbraccio tra Terrence Malick e la storia

Con A hidden life il regista recupera solo in parte rispetto agli ultimi titoli sfortunatamente deludenti. È invece un vero gioiello Atlantiques, della esordiente franco-senegalese Mati Diop. Leggi

A Cannes risorge il cinema brasiliano 

La resistenza nel Nordest brasiliano di Bacurau, Les misérables postmoderni di Ladj Ly e Ken Loach sulla crisi britannica. Il festival di Cannes conferma le sue scelte interessanti e politicamente scomode. Leggi

Cannes apre con gli zombie postmoderni di Jim Jarmusch

Nell’apatica cittadina di Centerville la catastrofe climatica si materializza con dei morti viventi. Ma un cast grandioso non riesce a dare forza al film di apertura del festival. Leggi

La storia della Cina nei film di Jia Zhang-ke

I figli del fiume giallo è un grandioso affresco che contiene altri affreschi, quelli della Cina moderna che il regista ci ha offerto in circa vent’anni di lavoro. Leggi

pubblicità
Il salone del fumetto mette al centro i migranti e il Mediterraneo

Secondo festival di fumetti in Italia per importanza, dopo Lucca Comics & Games, Comicon ha scelto di mettere in primo piano Corto Maltese, Gipi – come ospite d’onore – e gli autori arabi e africani che raccontano le migrazioni. Leggi

Oro verde racconta il crollo di un mondo nascosto

Il film di Ciro Guerra e Cristina Gallego risale alle origini del narcotraffico colombiano attraverso la storia di una famiglia wayúu che sperimenta come un arricchimento rapido possa trasformarsi in tragedia. Leggi

L’educazione di Rey è uno sguardo buono su un’umanità difficile

Avvincente e intenso malgrado la sua brevità e di grande delicatezza malgrado i gravi temi sociali trattati, il film di Santiago Esteves è un bel racconto di formazione con un’angolazione originale. Leggi

Peterloo di Mike Leigh è un film che riguarda tutti noi

Il film documenta un momento importante della storia moderna e rimanda all’oggi, al fatto che la democrazia e le sue istituzioni vanno riformate, ampliate, non abbattute. Leggi

L’orrore e l’empatia nel film La casa di Jack

In un equilibrio mirabile tra il grave e il faceto, l’orrido e il poetico, si muove dall’inizio alla fine il nuovo film di Lars Von Trier. Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.