Francesco Boille

Collabora con Internazionale e scrive di cinema e fumetti

Sberleffo alla borghesia

Collage d’illustrazioni tratte dai feuilleton di fine ottocento e inizio novecento, editi tra il 1929 e il 1934, questi “tre romanzi per immagini” che ebbero il sostegno... Leggi

Oltre il postmoderno

Tra gli autori più anarchici, irriverenti e fuori da quasi tutte le regole, ma anche tra i più anticipatori nella storia del fumetto mondiale, figura certamente il bolognese... Leggi

pubblicità
Trasgressioni consapevoli

Vivès è autore di varie opere di successo fondate sulle relazioni umane e sentimentali, soprattutto tra adolescenti, di grande delicatezza e finezza. Dopo il capolavoro... Leggi

Affresco esistenziale

Per proseguire il clima delle feste, nulla di meglio di questo graphic novel di Otto Gabos (un estratto è stato pubblicato sul numero 1491 di Internazionale). Si respira... Leggi

Fairytale è il film delle feste e dell’anno

Il nuovo, brevissimo ma denso film del maestro russo Alexander Sokurov è un film visionario sulla storia dell’umanità. Leggi

pubblicità
Zio Paperone ha 75 anni ma è una maschera del mondo di oggi

Per festeggiare l’anniversario torna in libreria una serie di imperdibili volumi, sia per i contenuti sia per l’obiettiva qualità di stampa e l’eleganza delle edizioni. Leggi

Il capitalista ossessionato

Nella storia scritta e disegnata da Carl Barks, Zio Paperone e la dollarallergia, Paperone è afflitto da un’allergia per il denaro fino ad avere un esaurimento nervoso;... Leggi

Tori e Lokita è un film sull’infanzia rubata che cerca di resistere

I fratelli Dardenne in appena un’ora e mezza costruiscono con precisione la dinamica del rapporto tra due esseri umani in simbiosi, e mostrano come la dinamica economica sia inumana, in alto e in basso sulla scala sociale. Leggi

Italietta moderna

Lo sceneggiatore Alessandro Bilotta, cresciuto in Bonelli e tra gli autori più interessanti del nuovo fumetto italiano, nella prefazione si dice afflitto da “sindrome dell’abbandono”,... Leggi

Verità oscurate

Nell’anno dei capolavori, arriva raccolta in un volume unico l’opera più significativa di uno degli autori più importanti del fumetto contemporaneo, Cinema Zenit, già... Leggi

pubblicità
Ritorno all’infanzia dell’arte

Avevamo un po’ di diffidenza per il primo libro a fumetti di Bruno Luverà, giornalista e vice­direttore del Tg1. E invece è una bellissima sorpresa. Raccontando un viaggio... Leggi

È tutto già visto in Wakanda forever

Come tutti i film Marvel, il secondo capitolo della saga di Black Panther è poco interessante sul piano artistico. Peccato, perché non mancano le buone idee di sceneggiatura. Leggi

Psichedelia interiore

◆ Non siamo nel graphic novel d’autore all’ennesima potenza dei Frank Miller e degli Alan Moore, ma Alex Ross con le sue tante opere, tra cui le serie Marvels (con Kurt... Leggi

Sperimentare con il colore

Il brasiliano Marcello Quintanilha è tra gli autori più innovativi del fumetto internazionale. Ora arriva questo capolavoro (di cui pubblichiamo un estratto a pagina 83),... Leggi

La Festa del cinema di Roma ha trovato un nuovo respiro

L’edizione diretta da Gian Luca Farinelli e Paola Malanga ha avuto un’ottima accoglienza di pubblico. Il concorso internazionale ha premiato film di libertà e metacinema (January) e di donne che resistono ai soprusi digitali (Jeong-sun). Leggi

pubblicità
Alle soglie dell’umano

Igort va qui alle soglie dell’umano. Come già per i due capolavori Quaderni russi e Quaderni ucraini (quest’ultimo nella più recente edizione arricchito da una parte... Leggi

Marcia su Roma svela le bugie del fascismo

Il regista irlandese Mark Cousins smonta, attraverso un abile montaggio, la propaganda che cento anni fa accompagnò l’arrivo dei fascisti al potere in Italia, e s’interroga sui poteri occulti che appoggiarono Mussolini. Leggi

Felicità di tutti i giorni

Per David Lynch la felicità sta nella routine, nel ripetersi delle situazioni, mentre il viaggio che eleva dev’essere quello della mente. Nel 1973 il regista concepì una... Leggi

Gli orsi non esistono è un’opera di presagio sull’Iran e non solo

Il film del regista iraniano Jafar Panahi, incarcerato di nuovo ad agosto, cerca la flebile luce della razionalità nella notte dell’irrazionalità, e parla alle nostre società, fondate non solo sulla paura ma anche sulla paura di ciò che non esiste. Leggi

Grigiore borghese

Canicola ci ha abituato alle rivelazioni. Come quella del padovano Miguel Vila, per citare la più recente e limitandoci agli italiani. E come ora il libro del bolognese Pastoraccia,... Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.