Orsola Casagrande

Gli scrittori cubani non raccontano più la rivoluzione

C’è un sole caldo all’Avana. I pochi giorni d’inverno sembrano già un ricordo. La 25ª edizione della fiera del libro si è conclusa da poche settimane. Ospitata nel forte della Cabaña, da cui si gode un panorama splendido della capitale cubana, è stata visitata da quasi quattrocentomila persone in dieci giorni. La fiera è una sorta di grande luna park e quest’anno ha suscitato non poche critiche, soprattutto tra gli scrittori che hanno lamentato l’invasione di stand che nulla avevano a che fare con la letteratura. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.