L’ex “capo” di Deline, il 6 settembre 2016. (Pat Kane, Reuters/Contrasto)
  • 18 Ott 2016 12.15

La piccola comunità in Canada che si autogoverna

18 ottobre 2016 12:15

Deline è una piccola comunità formata da cinquecento persone nei Northwest territories del Canada. Da vent’anni i suoi abitanti sperimentano forme di autogoverno, stabilendo delle regole su questioni che generalmente spettano alle autorità federali e territoriali.

I loro sforzi risalgono al 1995, quando cominciarono a negoziare i termini della loro indipendenza con il governo regionale e quello centrale. Un percorso culminato il 1 settembre 2016, con la proclamazione dell’indipendenza di Deline, che è diventata la prima comunità indipendente e autogovernata dei Northwest territories, la prima in Canada formata da nativi e non nativi.

Secondo l’accordo finale di autogoverno di Deline, la comunità fissa le sue regole sulla vendita di alcolici e il gioco d’azzardo, la lingua ufficiale, i servizi scolastici e sanitari, l’assistenza sociale e la pianificazione territoriale. I suoi residenti possono godere di servizi e programmi sociali e possono candidarsi e votare alle elezioni, anche se alcuni incarichi sono riservati ai nativi. Il leader, Raymond Tutcho, porta il titolo di ekwatide, “il capo onesto supremo” nella lingua locale, che insieme all’inglese è riconosciuta come lingua ufficiale.

Secondo il premier dei Northwest territories, Bob McLeod, l’esempio di Deline è un’”ispirazione”. Il governo del Canada ha già firmato 22 accordi di autogoverno con 36 comunità di nativi e ne sta negoziando altri. In questo modo, si legge in un documento governativo, “la terra e le risorse sono sotto il controllo dei governi locali, e in questo modo attirano più investimenti”.

pubblicità

Da non perdere

La nuova copertina di Internazionale
Perché le ong che salvano vite nel Mediterraneo sono sotto attacco
Storia del concentrato di pomodoro prodotto in Cina

In primo piano