NUOVE NOTIZIE

Notizie
NUOVE NOTIZIE

Bruxelles sotto attacco

Martedì mattina ci sono state tre esplosioni nella capitale belga: due all’aeroporto Zaventem e una alla stazione della metro di Maelbeek. Il bilancio provvisorio è di 31 morti e 250 feriti. Gli attacchi sono stati rivendicati dal gruppo Stato islamico.


La zona vicino alla fermata della metropolitana Maelbeek di Bruxelles dopo l’esplosione.
  • 22 Mar 2016 22.00

Cosa è successo a Bruxelles

22 marzo 2016 22:00

La mattina del 22 marzo a Bruxelles ci sono stati due attentati, che hanno causato 31 morti e 250 feriti. Ecco un riassunto della vicenda.

  • Due esplosioni sono state avvertite verso le 8 nella zona delle partenze dell’aeroporto Zaventem, che si trova a 11 chilometri dal centro di Bruxelles. L’aeroporto è stato evacuato e tutti i voli sono stati sospesi.
  • Un’altra esplosione è stata avvertita alle 9.11 nella stazione della metropolitana di Maelbeek, vicino alla sede delle istituzioni europee. La metropolitana è stata chiusa.
  • Secondo un bilancio ufficiale, diffuso in serata dal ministero della sanità, i morti sono 31 (11 all’aeroporto di Zaventem e 20 nella metropolitana) e i feriti sono 250. Il bilancio potrebbe peggiorare.
  • Tra i feriti ci sono tre italiani ma nessuno di loro è grave, ha dichiarato l’ambasciatore italiano a Bruxelles, Vincenzo Grassi.
  • Gli attacchi sono stati rivendicati dal gruppo Stato islamico. L’attentato all’aeroporto è stato compiuto da tre uomini. Due si sono fatti esplodere, mentre il terzo, che è stato ripreso dalle telecamere di sicurezza, sarebbe ancora vivo ed è attualmente ricercato.
  • Le autorità stanno sentendo dei testimoni e sono in corso delle perquisizioni su tutto il territorio nazionale. Nel quartiere di Schaerbeek, durante una di queste perquisizioni, le forze dell’ordine hanno trovato una bomba e una bandiera dello Stato islamico.
  • Il governo belga ha dichiarato l’allerta massima in tutto il paese. Il ministro dell’interno francese, Bernard Cazeneuve, ha detto che verranno mobilitati poliziotti supplementari per controllare le frontiere e i mezzi di trasporto pubblici. È stata chiusa la frontiera tra Belgio e Francia.
  • Gli attacchi sono arrivati quattro giorni dopo l’arresto di Salah Abdeslam, uno dei terroristi che hanno realizzato gli attentati del 13 novembre a Parigi. Ma il coinvolgimento della cellula jihadista di Abdeslam al momento non è confermato. Il governo belga ha dichiarato che è “troppo presto” per fare collegamenti tra gli attacchi di Bruxelles e quelli del 13 novembre a Parigi.
pubblicità

Da non perdere

Uguali ma diversi. Le foto di Annette Schreyer
La solitudine di Hillary Clinton. La nuova copertina di Internazionale
Il martirio di Aleppo non si fermerà con le belle parole

In primo piano