Una manifestazione contro l’aborto a Roma, il 10 maggio 2015.
  • 13 Gen 2016 16.33

Bastano pochi dati per smontare le bugie degli antiabortisti

Chiara Lalli
13 gennaio 2016 16:33

È morta a meno di vent’anni presso l’azienda ospedaliera Antonio Cardarelli, a Napoli. Era all’undicesima settimana di gravidanza. Stava abortendo perché l’assunzione di alcuni farmaci aveva verosimilmente danneggiato il feto.

Per sapere cosa sia successo e se c’è stato un errore medico bisognerà aspettare l’autopsia (al Cardarelli poche settimane fa era stato assegnato il bollino rosa e secondo il direttore le procedure sono state corrette).

Ma intanto non mancano i commenti e le reazioni asserviti a uno scopo ben preciso: condannare gli aborti volontari e magari – perché no? – riuscire prima o poi a renderli nuovamente illegali o molto difficili da ottenere.

Ma non c’è solo questo.

Oscilliamo tra un pensiero magico che ci porta da un lato a fidarci di code di rospo o di Stamina e dall’altro, soprattutto davanti a un incidente o a una morte, alla fiducia cieca e assoluta nella medicina e nella scienza.

La morte, gli incidenti, i rischi vengono cancellati da un processo emotivo e cognitivo che somiglia alle credenze irrazionali.

Sbottiamo e manifestiamo sorpresa. Forse siamo davvero sorpresi di scoprire che si muore ancora e che il rischio non è mai uguale a zero, nemmeno rimanendo sul proprio divano.

Si muore in casa – anzi, gli incidenti domestici sono molto numerosi, come spiega il rapporto Gli incidenti in Europa, un’epidemia silenziosa:

Sono i posti che generalmente consideriamo più sicuri a diventare trappole in cui si può perdere la vita. I cittadini europei rischiano più di restare infortunati a casa, a scuola, nelle attività ricreative e sportive che in qualunque altra circostanza. Secondo il rapporto, poco più del 20% di tutti gli incidenti avviene su strada o sul posto di lavoro. Gli incidenti domestici uccidono il doppio di quelli stradali e dieci volte di più degli incidenti sul posto di lavoro. Il problema riguarda da vicino soprattutto i bambini e gli anziani che trascorrono molto tempo a casa. Bagni, scale e cucine sono le stanze meno sicure. Secondo le previsioni, nel futuro la situazione peggiorerà a causa dell’innalzamento dell’età demografica.

Lo confermano i numeri: sono “circa 135mila i ricoveri ospedalieri per infortunio domestico, il 23 per cento circa di tutti i ricoveri per trauma. Non solo, nel nostro paese il trauma da incidente è la seconda causa di mortalità di bambini e adolescenti tra 1 e 14 anni (20,3 per cento), dopo il tumore (30,9 per cento)” (Incidenti domestici. Iss: sono il 23% di tutti i ricoveri per trauma e la seconda causa di morte in età pediatrica).

Si muore ancora di parto, sebbene con numeri molto più bassi di un tempo, quando i medici nemmeno si lavavano le mani dopo aver eseguito esami autoptici su cadaveri. Si muore per interventi banali come tonsillectomie o appendicectomie, si muore bevendo troppa acqua, si muore in seguito a un’estrazione di un dente o a una puntura di insetto. Si muore strozzandosi con una caramella.

È ormai risaputo che la nostra percezione dei rischi sia del tutto sbagliata rispetto alla realtà: siamo terrorizzati dagli squali e non dalle zanzare, dagli aerei e non dal guidare una macchina o un motorino (gli incidenti stradali sono la prima causa di morte tra i 15 e i 24 anni, nessuno propone di rendere illegali i motorini).

Rischi ineliminabili

La scarsa confidenza con la statistica non aiuta. L’anno scorso sono state eseguite migliaia di interruzioni volontarie della gravidanza. Interrompere una gravidanza comporta dei rischi. Bassi, soprattutto in un contesto di legalità e di igiene, ma comunque ineliminabili. L’emorragia è uno di questi.

È per questo che si richiede la presenza di varie figure professionali, ed è per questo che più volte sono stati denunciati gli altissimi numeri di obiettori, soprattutto tra figure professionali che non praticano direttamente aborti (anestesisti, personale non medico).

Alla tabella 27 dell’ultima relazione ministeriale sull’interruzione volontaria della gravidanza, IVG e complicanze, 2013, il rischio di emorragia è dell’1,7 per cento, ovvero di 163 casi su 102.760 interventi (in Campania è dello 0,6 per cento).

Alla tabella 28 sono riportati i numeri degli obiettori: in Campania sono obiettori l’81,8 per cento dei ginecologi, il 65,5 per cento degli anestesisti e il 72,8 per cento tra il personale non medico.

I dati sono generali per regione. Valutare l’effetto di un personale amputato sulla sicurezza e sulla garanzia di un servizio sanitario non è facile e richiederebbe un’analisi molto più capillare, per singola struttura e per ciascun reparto.

La morte non è solo un esito tragico, è il destino che spetta a chi ha osato compiere un atto moralmente osceno

In questa morte, però, c’è anche altro. Gli antiabortisti hanno già messo in scena una ripugnante “dimostrazione” che abortire sia ingiusto e pericoloso, anzi mortale anche per le donne (in senso metaforico e perfino letterale).

“Lo vedete? Si muore”. E la morte non è solo un esito tragico, è il destino che spetta a chi ha osato compiere un atto moralmente osceno.

“Lo vedete? Una donna è morta, e questo dimostra che ogni aborto implica due vittime” (quando la donna non muore comunque è traumatizzata a vita, quindi sempre vittima è).

Il fatto è che – come al solito – simili usi sono pretestuosi e vengono fatti solo quando fa comodo. Qualche antiabortista si è forse scandalizzato per la morte di Savita Halappanavar, una donna indiana residente in Irlanda, a causa di una setticemia facilmente evitabile? La donna aveva un aborto spontaneo in corso che avrebbe dovuto essere accelerato, ma nessun medico è intervenuto perché l’Irlanda è un paese cattolico.

E, come titolava l’Irish Examiner, Halappanavar non è morta a causa di un aborto ma per negligenza medica.

Per non parlare delle morti delle donne nel mondo a causa di procedure mediche scorrette, poco sicure e oppresse dalla clandestinità.

Ci domandavamo se qualche antiabortista si fosse scandalizzato per la morte di Halappanavar e la risposta è no.

Quanto si voleva dimostrare – che l’aborto è il male, che causa danni e morte, che andrebbe vietato per il nostro bene e non solo per quello dei nascituri – è in realtà un dogma. E con i dogmi non si discute. Si può solo obbedire.

pubblicità

Da non perdere

La solitudine di Hillary Clinton. La nuova copertina di Internazionale
Il mondo della logistica gioca al ribasso sui diritti dei lavoratori
Il ritorno di Leonard Cohen e le altre canzoni del weekend

In primo piano