Un’elaborazione grafica delle onde gravitazionali
  • 11 Feb 2016 18.12

Abbiamo visto le onde gravitazionali

11 febbraio 2016 18:12

Sono state osservate per la prima volta direttamente le onde gravitazionali. Previste da Albert Einstein, le onde gravitazionali sono increspature dello spazio-tempo provocate dal movimento di oggetti enormi, come stelle o buchi neri, soggetti a forti accelerazioni.

Il segnale è stato registrato il 14 settembre negli Stati Uniti, dallo strumento Ligo posto a Livingstone, nella Louisiana e subito dopo da quello a Hanford, nello stato di Washington.

Dall’analisi del segnale, durato frazioni di secondo ed estremamente piccolo, i ricercatori sono risaliti all’evento che ha generato le onde gravitazionali. A produrlo sarebbe stato il movimento a spirale sempre più veloce di due buchi neri fino alla collisione e alla fusione. I ricercatori hanno calcolato che i buchi neri avevano una massa pari a circa 29 e 36 volte quella del Sole e si trovavano a 1,3 miliardi di anni luce di distanza dalla Terra. Sono stati fatti controlli per eliminare la possibilità di errori, ma i segnali misurati corrispondono alle previsioni sulle onde gravitazionali.


La scoperta apre nuove possibilità nell’osservazione dell’universo, oltre a confermare la teoria generale della relatività di Einstein. La ricerca è stata accettata per la pubblicazione dalla rivista scientifica Physical Review Letters.

pubblicità

Da non perdere

L’Unione europea è ancora ostaggio degli egoismi nazionali
Chi sono gli oromo e perché protestano in Etiopia?
Il rumore che copre Blonde di Frank Ocean

In primo piano