NUOVE NOTIZIE

Notizie
NUOVE NOTIZIE

Il Partito rivoluzionario istituzionale al governo nel paese ha vinto le elezioni in Messico

Malgrado le proteste avvenute durante la giornata elettorale e una campagna segnata dalla violenza dei cartelli della droga che hanno ucciso alcuni candidati, in particolare nello stato di Guerrero, il partito del presidente Enrique Peña Nieto ha preso tra il 29,8 e il 30,8 per cento dei voti, mantentendo tra i 196 e i 203 seggi alla camera dei deputati (500 seggi in totale)


  • 08 Giu 2015 08.46

La vittoria dell’indipendente Rodríguez in Messico

Jaime Rodríguez, candidato indipendente a governatore per lo stato del Nuevo León, incontra i sostenitori dopo la vittoria, a Monterrey, in Messico. Rodríguez, detto “El Bronco”, è il primo candidato indipendente messicano a ottenere la carica di governatore.
  • 08 Giu 2015 08.31

Alle elezioni in Messico vince il partito del presidente Enrique Peña Nieto

Secondo i primi risultati alle elezioni legislative in Messico il Partito rivoluzionario istituzionale (Pri), al governo nel paese, ha vinto le elezioni e mantiene il controllo della camera. Malgrado le proteste avvenute durante la giornata elettorale e una campagna segnata dalla violenza dei cartelli della droga che hanno ucciso alcuni candidati, in particolare nello stato di Guerrero, il partito del presidente Enrique Peña Nieto ha preso tra il 29,8 e il 30,8 per cento dei voti, mantentendo tra i 196 e i 203 seggi alla camera dei deputati (500 seggi in totale). Nelle elezioni del 2012 il Pri aveva ottenuto 207 seggi. Ma due partiti alleati hanno conquistato consensi: il Partito verde dovrebbe aver preso il 7 per cento dei voti, assicurandosi così tra i 41 e i 48 seggi, mentre un altro partito nella coalizione di governo, Nuova alleanza, prenderà tra i nove e i 12 seggi.

Le elezioni legislative e amministrative sono state interpretate dagli analisti come una prova di gradimento politico per il presidente Peña Nieto, aspramente criticato la sua gestione del caso della scomparsa di 43 studenti nella città di Iguala, nello stato di Guerrero, il 25 settembre del 2014. Secondo la versione ufficiale sulla scomparsa, gli studenti sono stati uccisi da sicari di una banda di narcotrafficanti, ma le famiglie non credono alla versione del governo e hanno accusato le istituzioni di aver coperto e di aver collaborato con la criminalità organizzata.

Almeno sette candidati alle elezioni messicane e nove funzionari sono stati uccisidurante la campagna elettorale, segnata dalle violenze dei cartelli della droga e dalla proteste degli insegnanti contro la riforma della scuola. Nel solo mese di aprile ci sono stati 1.374 omicidi nel paese, secondo la polizia. Il tasso mesile di omicidi più alto dell’anno.

pubblicità
  • 07 Giu 2015 17.18

Tre seggi costretti alla chiusura dai manifestanti in Messico

Membri delle milizie di autodifesa dello stato di Guerrero a Tixtla, in Messico, durante una manifestazione dei parenti dei 43 studenti scomparsi a settembre 2014.

I messicani oggi hanno cominciato a votare per le elezioni legislative. Ma nel paese la tensione resta alta, soprattutto nello stato di Guerrero. Il governo ha schierato in modo massiccio le forze dell’ordine, per garantire la regolarità del voto, minacciata soprattutto dalle mobilitazioni degli insegnanti, che protestano contro la riforma dell’istruzione e hanno minacciato di bloccare il voto.

Nonostante la presenza della polizia, nella città di Tixtla i contestatori, ai quali si sono uniti i genitori dei 43 studenti scomparsi nel settembre 2014 a Iguala, hanno costretto tre seggi alla chiusura e dato fuoco alle schede elettorali.

Alla vigilia del voto, sempre nello stato di Guerrero, degli scontri tra membri di milizie di autodifesa hanno provocato almeno dieci morti. Lo ha annunciato la commissione dei diritti umani.

  • 03 Giu 2015 17.32

Vigilia elettorale violenta in Messico

Un candidato alla camera dei deputati messicana è stato ucciso a sudest della capitale. È il quarto candidato ucciso in vista del voto del 7 giugno, in cui si eleggeranno cinquecento deputati della camera federale, nove governatori, sedici assemblee legislative statali e i sindaci di diverse città. Leggi