NUOVE NOTIZIE

Notizie
NUOVE NOTIZIE

Il Partito democratico ha vinto le elezioni in cinque regioni su sette

Il partito del premier Matteo Renzi ha mantenuto con difficoltà l’Umbria e ha conquistato la Campania. Il forzista Giovanni Toti ha vinto in Liguria e il leghista Luca Zaia ha mantenuto il Veneto. L’affluenza si è fermata al 52,2 per cento


  • 02 Giu 2015 16.02

Chi ha vinto e chi ha perso le regionali

Hanno vinto tutti, almeno a sentire i commenti dei politici dopo le elezioni regionali. Ha vinto Matteo Renzi (“cinque a due”), ha vinto Silvio Berlusconi e pure Angelino Alfano o Raffaele Fitto. Hanno vinto tutti, magari anche perdendo per strada milioni di voti. Vediamo invece come è andata. Leggi

  • 02 Giu 2015 14.28

Vincenzo De Luca denuncia Rosy Bindi per diffamazione

Il candidato del Partito democratico Vincenzo De Luca, vincitore delle regionali in Campania con il 41,1 per cento dei voti, ha annunciato su Twitter che ha denunciato per diffamazione Rosy Bindi, presidente della commissione parlamentare antimafia.

La settimana scorsa la commissione parlamentare antimafia, presieduta da Bindi, ha presentato una lista di 17 candidati alle elezioni regionali, considerati “impresentabili” secondo il codice di autoregolamentazione approvato da tutti i partiti che fanno parte della commissione. Nell’elenco erano presenti soltanto candidati nelle regioni Puglia e Campania, dove “la presenza del potere mafioso è più forte e più condizionante”, ha spiegato Bindi in conferenza stampa. Nella lista c’era anche Vincenzo De Luca.

pubblicità
  • 02 Giu 2015 12.25

Il silenzio di Matteo Renzi sul risultato delle regionali

Domenica 31 maggio si era fatto fotografare in maniche di camicia mentre giocava alla Playstation nella sede del Partito democratico. Visibilmente poco stressato, “troppo cool”, anche se i risultati delle elezioni regionali costituiscono un segnale d’allerta: una regione persa (la Liguria), una guadagnata (la Campania), ma soprattutto un magro 23 per cento dei voti complessivi.  Leggi

  • 02 Giu 2015 10.59

I risultati definitivi delle elezioni regionali in Italia

Si è concluso lo scrutinio dei voti delle elezioni regionali in Italia. Il centrosinistra, guidato dal Partito democratico, ha vinto in Toscana, Marche, Umbria, Puglia e Campania.  Leggi

  • 01 Giu 2015 13.53

I risultati quasi definitivi delle elezioni regionali

In Liguria, Marche e Umbria il risultato del voto amministrativo è ormai definitivo, ma anche per le altre quattro regioni mancano ormai pochi seggi.

pubblicità
  • 01 Giu 2015 11.51

Il premier Matteo Renzi in visita dai militari italiani in Afghanistan

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi è partito per una visita a sorpresa al contingente italiano impegnato a Herat, in Afghanistan. L’occasione, come hanno spiegato fonti di palazzo Chigi, sono le celebrazioni della festa della repubblica alla vigilia del 2 giugno. Nella serata del 31 maggio, Renzi ha seguito lo scrutinio delle elezioni regionali nella sede nazionale del Pd di largo del Nazareno a Roma. Askanews

  • 01 Giu 2015 11.27

Cinque a due: vittoria o sconfitta?

Alle elezioni regionali di domenica gli elettori hanno mostrato a Matteo Renzi il cartellino giallo e alla screditata partitocrazia italiana il cartellino rosso, disertando in massa le urne. In Toscana l’affluenza è stata del 48 per cento, in calo di 12 punti rispetto alle ultime votazioni. E parallelamente nelle sette regioni i candidati alla presidenza solo saliti da 29 a 52. Un chiaro sintomo della disaffezione inarrestabile che separa il mondo reale da quello politico. Leggi

  • 01 Giu 2015 09.40

Tutti i limiti del renzismo

Qualunque analisi di queste elezioni – anche quando si sapranno bene le percentuali delle singole liste – potrà solo confermare che sono andate male. Il dato di affluenza bassissima, combinato alla questione delle candidature “impresentabili” come unica discussione politica, segna un clamoroso disinteresse per la cosa pubblica, un fenomeno di cui Matteo Renzi, il sindaco a palazzo Chigi, dovrebbe farsi carico.  Leggi

  • 01 Giu 2015 08.16

Catiuscia Marini, candidata del Partito democratico, è stata eletta governatrice dell’Umbria con il 42,8 per cento delle preferenze. È il dato definitivo fornito dal sito del Viminale.

  • 01 Giu 2015 07.30

Alle regionali il Partito democratico ha vinto in cinque regioni su sette

Mentre lo spoglio delle schede è ancora in corso, il risultato delle elezioni regionali del 31 maggio si è delineato con la vittoria del Partito democratico in cinque regioni e con il centrodestra in due. Il partito del premier Matteo Renzi ha conservato la guida della regione nelle Marche, in Puglia e in Toscana. Ha mantenuto con difficoltà l’Umbria e la Campania (quest’ultima con la vittoria di Vincenzo De Luca sul candidato di centrodestra Stefano Caldoro).

Ha perso in Veneto, che resterà sotto il governo della Lega con Luca Zaia e ha perso in Liguria, dove la sinistra si è presentata divisa e il candidato di Forza Italia Giovanni Toti, secondo l’ultimo bilancio delle schede scrutinate, si è affermato con il 34,7 per cento dei voti (seguito a una certa distanza dalla candidata democratica Raffaella Paita e dalla cinquestelle Alice Salvatore terza). Nelle sette regioni in cui si votava, si è recato ai seggi solo il 52,2 per cento degli aventi diritto, con un calo di quasi 12 punti percentuali rispetto al 64,1 per cento delle precedenti consultazioni regionali nel 2010.

pubblicità
  • 31 Mag 2015 15.47

I capoluoghi di provincia al voto: da Venezia a Nuoro

Sono 17 i capoluoghi di provincia in cui si vota per rinnovare l’amministrazione comunale. A Venezia l’affluenza alle urne è stata del 18,4 per cento a mezzogiorno, mentre il dato più alto è quello di Nuoro con il 25,3 per cento.

Le altre città dove si sta votando per le elezioni comunali sono Rovigo, dove si è recato alle urne il 21,6 per cento degli elettori, Lecco con il 19,7 per cento, Mantova con il 21,3 per cento, Arezzo con il 16,9 per cento, Fermo e Macerata, entrambe con il 17,1 per cento, Chieti con il 20,5 per cento, Andria con il 23,8 per cento, Trani con il 21,9 per cento, Matera con il 21,7 per cento, Vibo Valentia con il 20,7 per cento, Agrigento con il 10.1 per cento, Enna con il 9.3 per cento, Sanluri con il 21,5 per cento, Tempio Pausania con il 21,0 per cento.

Il dato diffuso dal ministero dell’interno non tiene conto delle comunali in corso in Friuli Venezia Giulia e Sicilia.

  • 31 Mag 2015 15.18

Politici e candidati al voto 

Il candidato alla presidenza della regione Campania Vincenzo De Luca al seggio di Salerno. Vincenzo De Luca, è stato inserito dalla commissione antimafia nella lista dei cosiddetti impresentabili.
Il presidente del consiglio italiano Matteo Renzi al seggio a Pontassieve, in provincia di Firenze.
La senatrice Adriana Poli Bortone, candidata di Forza Italia alla presidenza della regione Puglia, nel suo seggio elettorale di Lecce.
  • 31 Mag 2015 12.48

L’affluenza alle 12 è intorno al 14,5 per cento

L’affluenza alle urne per le regionali, rilevata alle 12, è intorno al 14,5 per cento. Il ministero dell’interno ha pubblicato i dati relativi a circa il 50 per cento dei comuni che partecipano al voto. Nelle precedenti elezioni si votò in due giorni, quindi il dato non è comparabile.

  • 31 Mag 2015 09.53

Seggi aperti in Italia

Oggi si svolgono le elezioni per rinnovare il presidente e la giunta regionale in sette regioni italiane: Campania, Liguria, Toscana, Marche, Puglia, Umbria, Veneto. In contemporanea si svolgono le elezioni amministrative in 1.062 comuni, tra cui 18 capoluoghi di provincia. Sono chiamati a votare 21 milioni di italiani. Incerto l’esito in Campania e Liguria.

In Campania infatti il candidato del Partito democratico alla presidenza della regione, Vincenzo De Luca, è stato inserito dalla commissione antimafia nella lista dei cosiddetti impresentabili. Mentre in Liguria il Pd si è diviso e presenta due candidati.

Si vota fino alle 23, poi arriveranno exit poll e proiezioni. Saranno diffusi due dati sull’affluenza: alle 12 e alle 19.

  • 29 Mag 2015 17.02

Che effetti avrà la lista degli “impresentabili” sulle elezioni regionali

La commissione parlamentare antimafia presieduta da Rosy Bindi ha presentato una lista di 17 candidati alle elezioni regionali di domenica 31 maggio, considerati “impresentabili” secondo il codice di autoregolamentazione approvato da tutti i partiti che fanno parte della commissione il 23 settembre 2014. Quali saranno le conseguenze? Che differenza c’è tra il codice etico e la legge Severino? Leggi

pubblicità
  • 29 Mag 2015 15.12

La lista delle candidature alle regionali che la commissione antimafia considera inopportune

La commissione parlamentare antimafia presieduta da Rosy Bindi ha presentato una lista di 17 candidati alle prossime regionali considerati “impresentabili”, secondo il codice di autoregolamentazione approvato da tutti i partiti che fanno parte della commissione il 23 settembre 2014.

Candidati in Campania

  • Vincenzo De Luca, candidato presidente per il Partito democratico
  • Antonio Ambrosio, Forza Italia
  • Domenico Elefante, Centro democratico
  • Fernando Errico, Nuovo centro destra
  • Alberico Gambino, Fratelli d’Italia
  • Carmela Grimaldi, Campania in Rete
  • Biagio Iacolare, Unione di centro
  • Alessandrina Lonardo, Forza Italia
  • Sergio Nappi, Caldoro presidente
  • Luciano Passariello, Fratelli d’Italia
  • Francesco Plaitano, Popolari per l’Italia
  • Antonio Scalzone, Popolari per l’Italia
  • Raffaele Viscardi, Popolari per l’Italia

Candidati in Puglia

  • Giovanni Copertino, Forza Italia
  • Massimo Oggiano, Oltre con Fitto
  • Fabio Ladisa, Popolari per Emiliano
  • Enzo Palmisano, movimento politico per Schittulli
  • 19 Mag 2015 20.40

Le elezioni regionali del 2015: dove si vota e chi sono i candidati

Il 31 maggio si svolgeranno le elezioni per rinnovare il presidente e la giunta regionale in sette regioni: Campania, Liguria, Toscana, Marche, Puglia, Umbria, Veneto. In contemporanea si svolgeranno le elezioni amministrative in 1.062 comuni, tra cui 18 capoluoghi di provincia. Incerto l’esito in Campania e Liguria.  Leggi