NUOVE NOTIZIE

NOTIZIE
NUOVE NOTIZIE

Abdel Fattah al Sisi


  • 30 Giu 2016 16.24

A tre anni dal golpe contro Morsi, in Egitto la democrazia è lontana

A tre anni dalle proteste di piazza Tahrir e dalla caduta del presidente islamista Mohamed Morsi, l’Egitto è ancora instabile. Con il presidente Abdel Fattah al Sisi arresti arbitrari, torture, sparizioni di oppositori e censura della stampa sono all’ordine del giorno. Il video dell’Afp. Leggi

  • 26 Apr 2016 16.24

Le proteste in Egitto contro il governo di Al Sisi

Circa cinquecento persone sono scese in piazza al Cairo, in Egitto, per protestare contro le politiche del governo di Al Sisi. Al centro della manifestazione c’è la cessione all’Arabia Saudita di due isole strategiche nel mar Rosso. Nei giorni scorsi la polizia egiziana ha arrestato più di novanta persone tra attivisti e giornalisti. Il video dell’Afp. Leggi

pubblicità
  • 17 Mar 2016 17.15

Le violazioni dei diritti umani nel regime di Al Sisi in Egitto

Arresti arbitrari, torture, sparizioni e detenzione degli oppositori politici, i limiti alla libertà di espressione e di associazione, la repressione della stampa e degli scrittori. Lo stato di salute dei diritti umani in Egitto sotto il regime di Abdel Fattah al Sisi. Leggi

  • 05 Feb 2016 13.14

I giovani egiziani che il regime fa sparire

Nelle ultime settimane la stampa, seppure imbavagliata da quando è al potere il generale Abdel Fattah al Sisi, sta denunciando centinaia di sparizioni di giovani egiziani. Leggi

  • 03 Nov 2015 14.26
La rivendicazione dei jihadisti di aver abbattuto l’aereo russo è “propaganda”. Il presidente egiziano Abdul Fattah al Sisi smentisce il gruppo Stato islamico, che sostiene di aver colpito l’Airbus precipitato il 31 ottobre nel Sinai con 224 persone a bordo. Secondo la squadra che analizza la scatola nera, “l’aereo non è stato colpito dall’esterno e il pilota non ha lanciato nessun allarme”.
pubblicità
  • 19 Ott 2015 08.54
Bassa affluenza alle elezioni legislative in Egitto. Prosegue la prima fase delle consultazioni per il rinnovo del parlamento egiziano, tre anni dopo lo scioglimento dell’ultima assemblea. La maggior parte degli oltre cinquemila candidati sostiene il presidente Abdel Fattah al Sisi, che ha deposto il suo predecessore Mohamed Morsi nel 2013. Nella prima giornata di voto, domenica, gli osservatori hanno riferito di una bassissima partecipazione.
  • 18 Ott 2015 17.46

L’Egitto comincia a votare per rinnovare il parlamento

I cittadini egiziani sono chiamati a votare per il rinnovo del parlamento sciolto quasi tre anni fa. La tornata elettorale si chiuderà il 2 dicembre. Secondo molti esperti, il pericolo è che torni in auge il vecchio regime abbattuto con la rivoluzione del 2011. Leggi

  • 16 Set 2015 13.24

Il Messico esige un’indagine urgente per l’uccisione dei turisti in Egitto

La ministra degli esteri messicana, Claudia Ruiz Massieu, è volata al Cairo per esigere un’inchiesta ”urgente e trasparente” sull’uccisione di otto turisti messicani scambiati per jihadisti dall’esercito egiziano. Leggi

  • 17 Ago 2015 19.36
L’Egitto adotta una controversa legge antiterrorismo. Il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi ha approvato una legge che istituisce tribunali speciali e protegge soldati e poliziotti che usano la forza per svolgere il proprio lavoro. La norma, pubblicata sulla gazzetta ufficiale ieri, prevede da circa 22mila a 700mila euro di multa per i giornalisti che riportano male le dichiarazioni del governo o diffondono notizie false. Secondo molti osservatori, la legge è un tentativo di Al Sisi di reprimere la libertà di espressione e di dissenso nel paese.
  • 05 Ago 2015 16.13

Il progetto faraonico di Al Sisi

Dopo 146 anni dall’apertura del canale di Suez tra il mar Rosso e il mar Mediterraneo, il 6 agosto l’Egitto inaugurerà l’estensione della via commerciale più importante del paese. Leggi

pubblicità
  • 12 Lug 2015 17.59

Matteo Renzi sbaglia ad appoggiare Al Sisi

Al Sisi è uno statista, is a great leader, ha detto Matteo Renzi ad Al Jazeera a proposito del generale egiziano arrivato al potere il 3 luglio del 2013 con un colpo di stato che ha rovesciato il presidente democraticamente eletto Mohamed Morsi, e lasciato sull’asfalto quasi mille morti. Da allora, Abdel Fattah al Sisi è protagonista non solo delle strade del Cairo, tappezzate di sue gigantografie, ma anche dei rapporti di Amnesty international. Leggi

  • 08 Lug 2015 11.08
Il fotogiornalista egiziano detenuto al Cairo ha bisogno di cure. Mahmoud “Shawkan” Abu Zied, di 27 anni, ha contratto l’epatite C in carcere. Era stato arrestato nell’agosto del 2013 mentre documentava la repressione delle forze di sicurezza del generale Abdel Fattah al Sisi, ora presidente dell’Egitto, contro i sostenitori di Mohammed Morsi.
  • 30 Giu 2015 16.00

Dopo la morte del procuratore generale il presidente egiziano vuole inasprire la legge

Il presidente egiziano promette una legislazione più dura dopo l’uccisione del procuratore generale

Il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi ha promesso una legislazione più dura per “lottare contro il terrorismo”, all’indomani della morte del procuratore generale Hisham Barakat a causa delle ferite riportate in un attentato contro il convoglio su cui si stava muovendo al Cairo. In un discorso in tv, Al Sisi ha annunciato che la legge sarà modificata per consentire “di fare giustizia più rapidamente”. I processi quindi saranno più veloci e le condanne a morte saranno eseguite più rapidamente.

Hisham Barakat è l’esponente politico di maggior rilievo assassinato dagli anni novanta. Aveva assunto l’incarico nel giugno del 2013, poche settimane prima del colpo di stato che depose l’allora presidente Mohamed Morsi, capo della Fratellanza musulmana. È stato tra i protagonisti della repressione nei confronti del gruppo, avviando processi contro i suoi affiliati e mettendo in atto provvedimenti come il congelamento dei beni. Nel periodo in cui ha svolto l’incarico di procuratore generale, migliaia di attivisti dell’opposizione sono stati arrestati e centinaia di esponenti dei Fratelli musulmani sono stati condannati a morte.

In un comunicato sul suo sito, la Fratellanza musulmana ha condannato l’uccisione di Barakat, accusato però di aver favorito la tortura, l’omicidio di oppositori politici e la detenzione senza processo. L’attentato è stato compiuto dopo che un gruppo legato ai jihadisti dello Stato islamico ha esortato i suoi affiliati ad attaccare i giudici, accusati di essere sottomessi al governo e ai militari. Il 3 luglio inoltre ricorre il secondo anniversario della cacciata di Morsi dal potere e secondo gli esperti il paese rischia di essere colpito da una nuova ondata di violenze e attentati.

  • 20 Mag 2015 18.38

Nominato il nuovo ministro della giustizia egiziano

Ahmed al Zind, il nuovo ministro della giustizia egiziano, ha giurato davanti al presidente Abdel Fattah al Sisi, nove giorni dopo le dimissioni del suo predecessore. Mahfouz Saber aveva lasciato l’incarico di ministro in seguito alle polemiche per aver detto che il figlio di uno spazzino non può fare il giudice perché si tratta di un lavoro troppo nobile per una persona con origini umili. Il suo successore è invece famoso per le sue posizioni ostili ai Fratelli musulmani e dirige il Circolo dei giudici che è un organo nazionale di rappresentanza dei magistrati.

Zind non ha mai fatto mistero della sua avversione nei confronti dell’ex presidente e leader dei Fratelli musulmani Mohamed Morsi, condannato a morte il 16 maggio per il suo coinvolgimento nelle evasioni da una prigione durante le rivolte del 2011. Dalla destituzione di Morsi nel luglio 2013, gli attivisti per i diritti umani di tutto il mondo accusano le autorità egiziane di voler strumentalizzare la magistratura nella sanguinosa repressione che hanno lanciato contro i sostenitori della Fratellanza musulmana.

  • 21 Mar 2015 15.34

Al Sisi sogna una Dubai egiziana

Il presidente dell’Egitto ha presentato un progetto faraonico per la costruzione di una nuova capitale nel deserto. Ma gli egiziani sono scettici e si chiedono in che modo la nuova capitale potrà migliorare le loro vite. Leggi

pubblicità
  • 17 Feb 2015 16.35

L’Egitto bombarda il gruppo Stato islamico in Libia

Il regime egiziano ha bisogno del terrorismo

Il 15 febbraio i seguaci dello Stato islamico in Libia, che sta emergendo come il principale vincitore nella caotica guerra civile in corso nel paese nordafricano, hanno pubblicato un video che mostrava 21 uomini egiziani in tuta arancione costretti a stendersi a terra e poi decapitati. Nel video si sottolineava che erano stati uccisi perché cristiani, “gente della croce, seguaci della chiesa egiziana ostile”. Leggi

  • 16 Feb 2015 08.30

L’Egitto bombarda il gruppo Stato islamico in Libia

L’Egitto bombarda il gruppo Stato islamico in Libia

L’Egitto ha bombardato il gruppo Stato islamico in Libia, dopo che il gruppo ha diffuso un video in cui mostra la decapitazione di 21 egiziani di religione cristiana in Libia. Il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi aveva annunciato che l’Egitto avrebbe reagito agli attacchi. “L’Egitto ha il diritto di rispondere nel modo che ritiene appropriato a questi assassini inumani”, aveva detto il presidente egiziano dopo la pubblicazione del video dei jihadisti il 15 febbraio.

I 21 egiziani di religione copta lavoravano a Sirte, in Libia, ed erano stati rapiti a dicembre del 2014 e a gennaio del 2015 in Libia. Bbc, Afp

  • 28 Nov 2014 11.35

Il Fronte salafita e i Fratelli musulmani convocano le proteste in Egitto

Almeno 107 persone arrestate in Egitto

Almeno 107 persone sono state arrestate al Cairo, in Egitto. Lo ha dichiarato il ministro dell’interno che accusa gli arrestati di voler organizzare “manifestazioni violente” contro il governo. Si tratta di membri del partito islamista dei Fratelli musulmani, definito “gruppo terrorista” dal governo, e di sostenitori dell’ex presidente egiziano Mohamed Morsi.

Gli islamisti hanno convocato una manifestazione al Cairo per protestare contro il governo di Abdel Fattah al Sisi e contro il pugno duro usato dall’esecutivo verso l’opposizione. Nel novembre del 2013 è stata approvata una legge che di fatto ha vietato le manifestazioni. Afp

  • 24 Nov 2014 21.58

Il presidente egiziano Al Sisi è a Roma

Chi è Abdel Fattah al Sisi

In visita in questi giorni in Europa, Abdel Fattah al Sisi è il sesto presidente della repubblica egiziana, ha assunto l’incarico l’8 giugno 2014. Ha vinto le elezioni nel maggio del 2014, con il 93,3 per cento dei consensi e un’affluenza inferiore al 50 per cento. I Fratelli musulmani, il partito dell’ex presidente Mohamed Morsi, hanno boicottato il voto, così come molti attivisti liberali e laici. Leggi

  • 25 Ott 2014 15.46

Riaperto il valico tra l’Egitto e la Striscia di Gaza

Il presidente egiziano parla di un complotto organizzato da forze straniere

Il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi ha detto che l’attacco nel Sinai del 24 ottobre è stato “un’operazione finanziata dall’estero”.

In un discorso ai mezzi d’informazione prima dei funerali dei soldati uccisi, al Sisi ha detto che

l’obiettivo dell’attacco era indebolire l’Egitto e gli egiziani e minare la forza dell’esercito, che è considerato un pilastro del paese.

Il presidente non ha dato ulteriori spiegazioni, ma ha promesso di prendere misure drastiche per sradicare i miliziani attivi in Sinai. Ap

pubblicità