Francesca Borri

Ha lavorato nei Balcani, in Medio Oriente, e in particolare in Israele e Palestina, come specialista di diritti umani. Dal 2012 racconta la guerra in Siria come reporter freelance. I suoi articoli sono stati tradotti in 15 lingue. Il suo libro più recente è La guerra dentro (Bompiani 2014)

Nel paradiso dei turisti i giovani sognano il jihad

“Combattono proprio bene, è vero?”, mi dice il tassista con orgoglio. A Parigi, a Bruxelles, a Tunisi, parli con i musulmani dei jihadisti dello Stato islamico e tutti ti rispondono mortificati: sono fuori di testa. Alle Maldive ti dicono: sono degli eroi. Leggi

Anche se vinceremo la battaglia di Mosul, abbiamo già perso la guerra

La vittoria, a Mosul, è certa, ma siamo stati avvertiti: potrebbe non essere né semplice né rapida. A Manbij, in Siria, l’ultima città persa dal gruppo Stato islamico, la battaglia è durata 71 giorni. E Mosul è nove volte Manbij. Per l’Is ha un valore simbolico, non solo militare. E l’Is ha avuto mesi per prepararsi. Siamo stati avvertiti: resisterà. Anche se il problema vero in questa guerra ai jihadisti, è un altro: è che i jihadisti sono da entrambi i lati del fronte. Leggi

pubblicità
Puntare su Assad per salvare la Siria è un’illusione

Per la comunità internazionale Assad è un punto fermo. Ma credere che il presidente siriano sia il garante della stabilità del paese non significa solo puntare sul cavallo sbagliato. Significa puntare su un cavallo che non esiste proprio più. Leggi

Il gruppo Stato islamico raccontato da quattro jihadisti

Per i combattenti jihadisti il califfato è un ideale universale. Ma, in realtà, è un progetto profondamente influenzato dai contesti nazionali. Interviste con quattro miliziani in Siria, Tunisia, Iraq e Bosnia. Leggi

Perché i pacifisti in occidente non manifestano contro Assad

Perché il movimento pacifista non scende piazza per la Siria? Cos’è cambiato dai tempi della mobilitazione internazionale contro la guerra in Iraq? Il problema è che in Siria i pacifisti stanno con Assad, l’uomo che ha usato ogni arma possibile contro i siriani, dai gas alla morte per fame, l’uomo che ha inventato i barili esplosivi, che per anni ha bombardato tutti tranne i jihadisti dello Stato islamico. Ma che è da molti considerato il male minore. Leggi

pubblicità
I siriani in Turchia sono uniti dall’esilio ma divisi sul futuro

A quali condizioni i siriani sono disposti a rientrare in Siria? Da Gaziantep, in Turchia, lo spiegano un siriano e una siriana scappati a causa della guerra. Nashwan al Saleh ha 39 anni, è un giornalista. Tornerebbe in una Siria governata da Assad, non dagli islamisti. Lubna al Kanawati ha 36 anni, dirige Women Now. Viene da Ghouta. Tornerebbe in una Siria governata dagli islamisti, non da Assad. Leggi

Bashar al Assad deve essere processato come Radovan Karadžić

Stiamo qui a scavare nelle adolescenze difficili, nell’alienazione degli immigrati, nel degrado di Molenbeek: di tutto parliamo tranne che delle motivazioni dei jihadisti, nella convinzione che discuterle significhi legittimarle – e quindi parliamo di Bruxelles, solo di Bruxelles, tutti concentrati a capire perché è così vulnerabile. Le forze di sicurezza inadeguate, l’amministrazione divisa in 19 distretti. I valloni e i fiamminghi. Ma il vero fallimento non è dell’intelligence, ma della politica. Il vero fallimento non è in Belgio, ma in Siria. Leggi

In Siria l’unico accordo che serve è quello tra siriani

Ufficialmente l’obiettivo del cessate il fuoco entrato in vigore in Siria il 27 febbraio è la distribuzione di aiuti umanitari nelle aree sotto assedio. Sei di queste, più Deir Ezzor, l’area petrolifera controllata dal gruppo Stato islamico (Isis), sono ancora inaccessibili: sono proprio quelle circondate dell’esercito di Bashar al Assad. Leggi

Tutte le colpe dell’Onu in Siria

A due anni dagli ultimi negoziati, a Ginevra in questi giorni si torna a discutere di Siria. Per la prima volta, sono al tavolo tutti i principali protagonisti del conflitto, incluso l’Iran. Mancano solo l’Ahrar al Sham e il Fronte al nusra: mancano solo i combattenti. Ma non è solo per questo, in realtà, che a questi negoziati non crede nessuno. Leggi

Una speranza di pace per palestinesi e israeliani, nonostante tutto

Mentre l’attenzione del mondo è rivolta alla Siria, all’Iraq e alla Libia, Israele continua a costruire insediamenti. Di là dal muro, intanto, i palestinesi sono impegnati in questa specie di intifada che continua a registrare vittime. Mai come in questi mesi, questo sembra un conflitto senza soluzione. Mentre il mondo intorno cambia, mai come ora qui tutto sembra uguale a sempre. Leggi

pubblicità
A Hebron i giovani non riescono più a sognare

È qui che non si è più umani, in questa città divisa in area H1 e H2, la prima sotto controllo palestinese, la seconda sotto controllo israeliano: una città in cui ci si dà appuntamento accanto a un numero, il checkpoint 55, il checkpoint 56, e in cui in realtà, ormai, si è un numero, perché entra solo chi è registrato. Leggi

L’Italia va alla guerra per darsi importanza

L’Italia è già parte della coalizione contro lo Stato islamico, ma al momento il suo ruolo è essenzialmente fornire armi e addestrare forze locali. Adesso invece i Tornado italiani potrebbero passare da missioni di ricognizione a missioni di attacco anche se, dopo un anno, è ormai chiaro che i bombardamenti sono inutili. Leggi

In Grecia le elezioni sono l’ultimo dei problemi

Ogni tanto al porto del Pireo, all’alba, attracca un traghetto proveniente dalle isole. Gli iracheni, i siriani e gli afghani si dirigono rapidi verso la metropolitana, verso il centro, per proseguire subito per la Macedonia e poi più a nord, per la Germania e la Svezia. Prima che l’Europa cambi idea e chiuda le frontiere. Dopo un paio d’ore, nelle strade intorno, per terra, al sole, ancora addormentati su dei cartoni, non rimangono che loro: i greci. Leggi

Sul fronte della guerra dimenticata

Lungo la linea precaria della tregua firmata a Minsk, che a febbraio ha più o meno congelato il conflitto in Ucraina orientale, come al solito sono rimasti solo quelli troppo poveri per andare via. Reportage dal fronte di una guerra che continua nel silenzio. Leggi

A Gaza tutti sognano solo di andare via

Inutile dirgli che non sono musulmana. Non sono neppure palestinese. E che comunque ho avuto l’ennesima ricaduta di tifo, ho la febbre, e quindi il Corano mi autorizza a rompere il Ramadan. Ed è inutile, in realtà, dirgli qualsiasi cosa, perché il poliziotto di Hamas che mi ferma per tre ore – sono colpevole di avere con me una bottiglia d’acqua – non ha divisa né distintivo: so che è di Hamas solo perché sono a Gaza.  Leggi

pubblicità
Matteo Renzi sbaglia ad appoggiare Al Sisi

Al Sisi è uno statista, is a great leader, ha detto Matteo Renzi ad Al Jazeera a proposito del generale egiziano arrivato al potere il 3 luglio del 2013 con un colpo di stato che ha rovesciato il presidente democraticamente eletto Mohamed Morsi, e lasciato sull’asfalto quasi mille morti. Da allora, Abdel Fattah al Sisi è protagonista non solo delle strade del Cairo, tappezzate di sue gigantografie, ma anche dei rapporti di Amnesty international. Leggi

I ragazzi iracheni che non ti aspetti

In genere semplifichiamo l’Iraq, e i suoi 35 milioni di abitanti, dicendo che il sud è sciita, il centro è sunnita e il nord è curdo. In questa attenzione quasi ossessiva per le etnie, la religione, le appartenenze, c’è una minoranza di cui non si parla mai: quella degli iracheni in cui ci si imbatte ogni giorno. Iracheni di tutte le età, di tutte le professioni, di tutte le aree del paese. Che, mentre sunniti e sciiti si combattono per le strade, aspettano barricati in casa che tutto questo finisca. Leggi

Ogni giorno Baghdad ha la sua autobomba

Gli ordigni esplosivi artigianali sono il simbolo dell’Iraq di oggi: non sono più furgoncini che si schiantano contro la Zona Verde, contro gli stranieri, l’obiettivo non è più scacciare gli statunitensi, riappropriarsi del paese. Ora l’obiettivo, semplicemente, è destabilizzarlo. Leggi

Chi c’è dietro le sagome nere dei jihadisti

Siamo qui da quattro anni, ormai. E l’unica differenza è che ora, invece che di Siria, ci occupiamo di Siria e di Iraq. In realtà il gruppo Stato islamico (Isis), per noi, non è stato una novità ma un’evoluzione. Rientravamo ad Aleppo, ogni volta, e i vecchi cattivi ragazzi erano adesso bravi ragazzi, perché dall’estero, intanto, era arrivato qualcuno di ancora più estremista. Leggi

Il bar iracheno dove le ragazze non hanno paura

Il Bab al Har Café ha qualcosa di strano. Ma non è la tappezzeria leopardata, né le teste di leone in finto oro, di aquila, di tigre o di lupo, sparse tra i divani. Né la spremuta di arance pericolosamente viola. Sono le ragazze. Lo capisci all’improvviso: c’è qualcosa di strano in questi giorni nella città irachena di Kirkuk. Per strada, nei negozi. Le donne. Non si vedono donne. A Kirkuk sono tutti uomini. Leggi

pubblicità