NUOVE NOTIZIE

AUTORI
NUOVE NOTIZIE

Bernard Guetta

È un giornalista francese esperto di politica internazionale. Ha una rubrica quotidiana su radio France Inter e collabora con Libération.

Bernard Guetta

  • 27 Mar 2017 09.47

L’America di Trump è senza pilota e l’Europa deve tenerne conto

È un bene per gli statunitensi che Donald Trump e i repubblicani alla camera non siano riusciti ad abrogare l’Obamacare, il testo con cui Barack Obama aveva esteso la copertura sanitaria ai 25 milioni di americani che ne erano privi anche in casi di urgenza, gravidanza e malattia grave. Allo stesso tempo si tratta di un fallimento per un presidente che appare incapace di guidare il paese. Leggi

  • 24 Mar 2017 09.35

Perché non possiamo rinunciare all’Unione europea

Oggi nessuno si rallegra per il fatto di avere la luce e il gas. È un progresso che consideriamo acquisito e irreversibile come la scuola pubblica per tutti. Con l’Europa accade lo stesso. L’unità europea di cui il 25 marzo festeggiamo il sessantesimo compleanno sembra ormai così acquisita che ne vediamo solo i difetti, senza ricordarci tutto ciò che ci ha regalato. Leggi

pubblicità
  • 23 Mar 2017 09.59

L’attentato di Londra mostra paradossalmente che il terrorismo è in grande difficoltà

È passato un anno esatto dagli attentati di Bruxelles, e abbiamo assistito da pochi giorni all’attentato di Orly. Purtroppo possiamo essere certi che ci saranno altri attacchi in Europa, Stati Uniti e negli altri continenti. Il pericolo è là, evidente, onnipresente. Ieri a Londra, domani chissà. Ma il paradosso è che i movimenti islamisti non sono mai stati così deboli. Leggi

  • 22 Mar 2017 09.43

L’Europa compie sessant’anni e le serve un nuovo inizio

L’unità europea avrà sessant’anni il 25 marzo 2017, giorno dell’anniversario della firma del suo documento fondativo, il trattato di Roma. Ma non è il momento di lasciarsi andare ai festeggiamenti. L’ambizione di un’Europa unita non è più maggioritaria. Leggi

  • 21 Mar 2017 09.57

Nel dibattito tra i candidati all’Eliseo non si è parlato abbastanza di Europa

Se in televisione i candidati alla presidenza della Francia avessero cominciato a discutere fin dall’inizio dello stato del mondo e dell’Europa anziché arrivarci solo alla fine, avremmo capito meglio cosa c’è di credibile nelle loro dichiarazioni e cosa è inutile. Leggi

pubblicità
  • 20 Mar 2017 09.35

Martin Schulz risveglia la sinistra tedesca e sfida Angela Merkel

Martin Schulz è stato eletto alla presidenza del Partito socialdemocratico tedesco (Spd) con il 100 per cento dei voti. È qualcosa di mai visto nella storia del più vecchio partito della sinistra democratica europea. Eppure i motivi di questo plebiscito in favore dell’ex presidente del parlamento di Strasburgo sono chiarissimi. Leggi

  • 17 Mar 2017 09.54

Erdoğan minaccia l’Europa per paura di perdere il referendum in Turchia

“Presto in Europa potrebbe esplodere una guerra di religione”, ha dichiarato ieri il ministro degli esteri turco. Nei giorni precedenti il presidente turco aveva attaccato governi e istituzioni europee. Erdoğan teme che nel referendum costituzionale del 16 aprile i suoi concittadini dicano no al passaggio del paese a un regime presidenziale che gli concederebbe tutti i poteri (o quasi). Leggi

  • 16 Mar 2017 09.31

I Paesi Bassi hanno scelto il centro conservatore

Geert Wilders e il suo partito islamofobo ed eurofobo, il Pvv, hanno guadagnato quattro seggi (un progresso non trascurabile), ma con il 15 per cento dei voti sono stati nettamente staccati dai liberali del Vvd, il partito del primo ministro uscente Mark Rutte, piazzato chiaramente al primo posto nonostante abbia perso una decina di seggi. Leggi

  • 15 Mar 2017 09.49

Theresa May tra la Brexit e la ribellione della Scozia

Il Regno Unito dovrà uscire dall’Unione, ma il 13 marzo la Scozia, una delle sue nazioni costitutive, ha fatto sapere che intende chiedere al parlamento britannico l’autorizzazione per organizzare un nuovo referendum sull’indipendenza da Londra. Leggi

  • 14 Mar 2017 09.46

Il voto olandese dirà se il populismo è il futuro dell’Europa

Domani, 15 marzo, gli olandesi voteranno per le elezioni politiche. Il voto dei Paesi Bassi servirà a tastare il polso sia delle presidenziali francesi sia dell’avanzata delle nuove estreme destre e del nazionalismo dopo la vittoria di Trump e la Brexit. Leggi

pubblicità
  • 13 Mar 2017 09.50

L’Europa è divisa di fronte alle pretese di Erdoğan

Recep Tayyip Erdoğan è un uomo la cui deriva dittatoriale è ormai palese: ha imbavagliato i mezzi d’informazione e incarcerato (o privato del lavoro) decine di migliaia di concittadini. Ora vuole fare campagna elettorale tra la diaspora turca in Europa a favore del sì al referendum per ottenere pieni poteri. Germania e Paesi Bassi l’hanno bloccato, la Francia invece è l’unico paese europeo ad averla autorizzata. Leggi

  • 08 Mar 2017 09.44

Dalla Corea del Nord al mar della Cina, perché l’Asia è una polveriera

L’Asia di oggi è come l’Europa dei secoli scorsi. Così come l’Europa era stata ininterrottamente dilaniata dai conflitti tra le grandi potenze che cercavano di conquistare un dominio sul continente, oggi l’Asia è diventata la terra dei pericoli. Leggi

  • 07 Mar 2017 09.49

L’Europa a più velocità trova nuovi sostenitori

Il 6 marzo quattro grandi paesi dell’Ue si sono pronunciati a Versailles in favore di un’“Europa differenziata”, il nuovo nome di quella che un tempo chiamavamo “l’Europa a più velocità”. Nell’immediato tutto questo non cambia niente, ma a medio termine cambia tutto. Leggi

  • 06 Mar 2017 09.42

Un clima di accuse allarmanti, dalla Turchia agli Stati Uniti

Il presidente turco ha accusato la Germania di “pratiche naziste”, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump accusa di “spionaggio” il suo predecessore, una candidata all’Eliseo sostiene che l’Unione europea “affama” la Francia. Quando l’eccesso diventa generale ci sono tutte le ragioni per allarmarsi. Leggi

  • 03 Mar 2017 10.03

L’ombra russa che incombe sulla presidenza Trump

Il nuovo procuratore generale degli Stati Uniti, Jeff Sessions, ha evitato di menzionare i suoi contatti con l’ambasciatore russo a Washington durante i colloqui per la conferma della sua nomina da parte del senato, una menzogna per omissione che ha assestato l’ennesimo colpo al presidente Donald Trump. Leggi

pubblicità
  • 02 Mar 2017 09.41

L’Europa ha davanti a sé cinque opzioni

A causa della Brexit ma anche dell’ascesa dei partiti eurofobici, dell’ambiguità del presidente statunitense nei confronti dell’unità europea, del caos in Medio Oriente, della pressione russa in Ucraina e delle divisioni tra gli stati che vorrebbero serrare i ranghi e quelli che sono contrari, sul vecchio continente pende un grande interrogativo, a cui il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha cercato di rispondere il 1 marzo in un libro bianco. Leggi

  • 01 Mar 2017 09.57

Donald Trump cambia tono nel suo primo discorso al congresso

Il 28 febbraio Donald Trump si è rivolto al congresso da padre della nazione, insistendo sull’unità al di là dell’appartenenza politica. Da questo primo discorso davanti alle camere erano assenti gli attacchi personali e le altre sparate a cui ci aveva abituati. Leggi

  • 28 Feb 2017 09.52

Donald Trump in guerra contro il mondo

Il presidente statunitense ha annunciato che il Pentagono riceverà 54 miliardi di dollari in più rispetto all’anno scorso, con un aumento del 9 per cento. Qualcosa di insolito, per non dire sbalorditivo, in tempo di pace. Leggi

  • 27 Feb 2017 10.09

Donald Trump rivelerà al congresso i suoi veri progetti per gli Stati Uniti

Il 28 febbraio Donald Trump parlerà davanti alle due camere del congresso, al governatore e alla corte suprema. Sarà il suo primo discorso da presidente dopo quello del giuramento, e se non vorrà apparire definitivamente come un folle irresponsabile dovrà superare le sue contraddizioni e dichiarare cosa intende fare del suo mandato. Leggi

  • 24 Feb 2017 09.55

La Russia nella trappola siriana

Il 23 febbraio a Ginevra è partito un nuovo ciclo di negoziati sulla Siria sotto l’egida dell’Onu. Stavolta i rappresentanti del regime siriano e dell’opposizione siedono faccia a faccia, e questo è il lato positivo. Ma ci sono anche diversi problemi, che riguardano soprattutto il ruolo di Mosca nella crisi. Leggi

pubblicità