Pechino, 2019 (Thomas Peter, Reuters/Contrasto)

Il 20 aprile il primo ministro delle isole Salomone, Manasseh Sogavare ( a sinistra nella foto ), ha annunciato in parlamento di aver firmato con la Cina l’accordo sulla sicurezza, di cui era circolata una bozza il mese scorso. Sogavare non ha svelato quando il documento sarà reso pubblico ma ha assicurato la popolazione dell’arcipelago che “abbiamo trattato con la Cina tenendo gli occhi aperti, guidati dall’interesse nazionale”. A marzo la notizia aveva messo in allarme Australia e Stati Uniti, preoccupati che grazie all’accordo Pechino potesse costruire una base militare alle Salomone, mettendo un piede nel Pacifico. Canberra ha cercato fino all’ultimo di dissuadere Sogavare, scrive il Solomon Times.

Questo articolo è uscito sul numero 1457 di Internazionale, a pagina 28. Compra questo numero | Abbonati