I laghi di lava sono musica per le orecchie dei vulcanologi. Quando pezzi di roccia cadono nel magma dal bordo del cratere, si generano onde sismiche che durano decine di secondi e che potrebbero fornire informazioni importanti sull’attività del vulcano. Queste onde, infatti, cambiano a seconda delle caratteristiche del magma. Per dieci anni, a partire dal 2008, due ricercatori dell’università dell’Oregon, negli Stati Uniti, hanno registrato con dei sensori sismici le onde del lago di lava del vulcano Kīlauea, alle Hawaii. Analizzando i dati, scrive Science Advances, è emersa una correlazione tra i tipi di onde e specifiche caratteristiche del magma, tra cui la temperatura e la composizione delle bolle gassose. I cambiamenti di “melodia” sono coincisi con le esplosioni del vulcano, compresa la grande eruzione del 2018. Lo studio potrebbe essere utile per prevedere le eruzioni, anche se non tutti i laghi di lava producono segnali chiari come quello del Kīlauea.

Questo articolo è uscito sul numero 1464 di Internazionale, a pagina 109. Compra questo numero | Abbonati