Geologia

Una roccia racconta la fine dei dinosauri

La gola del Bottaccione, in Umbria, è un luogo eccezionale che ha segnato la storia della scienza del ventesimo secolo. Qui sono state trovate le tracce del momento in cui un asteroide colpì la Terra sessantasei milioni di anni fa. Leggi

Melodie vulcaniche

I laghi di lava sono musica per le orecchie dei vulcanologi. Quando pezzi di roccia cadono nel magma dal bordo del cratere, si generano onde sismiche che durano decine di... Leggi

pubblicità
Forza di gravità e terremoti

I cambiamenti nella forza di gravità potrebbero essere usati per monitorare più rapidamente la propagazione di un forte terremoto e per prevedere un eventuale tsunami. I... Leggi

Un iceberg gigante alla deriva in Groenlandia
Un iceberg gigante alla deriva in Groenlandia. Gli scienziati stanno studiando un’enorme massa di ghiaccio che si è staccata dal ghiacciaio Jakobshavn, in Groenlandia. Si tratta di un iceberg di 12,4 chilometri quadrati, uno dei più grandi blocchi di ghiaccio mai rilevati.
Cambiamento epocale

Una trentina di scienziati, tra geologi, ecologi e climatologi, e un giurista si sono riuniti a Berlino il 16 ottobre per parlare di tempi geologici.

La discussione riguardava l’opportunità di dichiarare concluso l’olocene, cominciato circa 11.700 anni fa con l’ultima deglaciazione, e di passare a una nuova epoca geologica: l’antropocene. Il termine riflette l’impatto delle attività umane sui cambiamenti chimici, fisici e biologici del nostro pianeta.

Sarà compito del gruppo interdisciplinare che si è riunito a Berlino trovare una definizione condivisa di antropocene e valutare se deve essere un’epoca vera e propria o solo una sottocategoria dell’olocene. Il gruppo presenterà poi una proposta formale all’International geological congress nel 2016, ma l’ultima parola spetterà alla Commissione internazionale di stratigrafia. The Guardian

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.