The Conversation

È un sito di informazione a cui collaborano accademici e ricercatori da tutto il mondo.

La Russia di Putin divisa sul ricordo del gulag

Dalla caduta dell’Unione Sovietica infuria in Russia una guerra della memoria. Ong, ricercatori e attivisti continuano a lavorare infaticabilmente per preservare una memoria indipendente del gulag, mentre lo stato cerca di controllarla. Leggi

Perché ricordare il massacro di Srebrenica, venticinque anni dopo

Tra l’11 e il 19 luglio del 1995 le forze serbe di Bosnia trucidarono ottomila uomini e ragazzi musulmani. Un atto di genocidio che le Nazioni Unite e le potenze mondiali non vollero evitare. Leggi

pubblicità
Il modo giusto di respirare, soprattutto in questo periodo

Secondo il Nobel Louis Ignarro, inspirare dal naso aumenta il flusso sanguigno nei polmoni e i livelli di ossigeno nel sangue. E protegge dai virus. Tutto grazie al monossido di azoto. Leggi

I giornalisti hanno in mano le sorti del movimento contro il razzismo

I mezzi d’informazione possono concentrarsi sugli atti vandalici o spiegare le rivendicazioni dei dimostranti. Questa scelta determinerà le posizioni dell’opinione pubblica nei prossimi mesi. Leggi

La pandemia lascia spazio alla natura, ma solo nei paesi ricchi

Mentre nelle nostre città tornano gli animali selvatici, nei paesi poveri milioni di persone sono costrette a sfruttare la flora e la fauna per sopravvivere. Leggi

pubblicità
Gli animali di Tiger king non salveranno le tigri dall’estinzione

Oggi negli Stati Uniti le tigri negli zoo o in parchi privati sono quasi il doppio di quelle allo stato brado. Ma liberare gli animali in cattività per evitare che si estinguano è un’operazione difficile e rischiosa. Leggi

Gli obiettivi più urgenti della conferenza sul clima

Il cambiamento climatico è la principale sfida del nostro tempo. Ci troviamo in un momento decisivo per fare qualcosa. Serve uno sforzo senza precedenti. È la sfida della Cop25 in corso a Madrid. Leggi

Quattro domande sugli insediamenti israeliani in Cisgiordania

Il segretario di stato statunitense Mike Pompeo ha dichiarato che gli insediamenti israeliani in Cisgiordania non violano il diritto internazionale. Qual è storia degli insediamenti e perché sono così controversi? Leggi

Lo Zimbabwe sprofonda ancora nei suoi debiti

Lo slogan quasi disperato del nuovo presidente è che il paese adesso è “aperto agli affari”. Ma gli investitori stranieri non hanno nessuna fiducia nel suo governo. Leggi

Quattro novità tecnologiche nate grazie all’Apollo 11

Dalla purificazione dell’acqua ai tessuti polimerici, dalla Terra vista dallo spazio all’ambientalismo. Il programma della Nasa ha avuto un impatto materiale ed etico sulle nostre vite. Leggi

pubblicità
Com’è nata la teoria del complotto che nega lo sbarco sulla Luna 

L’idea che l’allunaggio dell’Apollo 11 sia un’invenzione resiste da cinquant’anni. Forse perché nella storia moderna degli Stati Uniti non sono mancati i motivi per dubitare della verità istituzionale. Leggi

Ai Mondiali di calcio femminile sono in campo i diritti delle donne

Il 7 giugno cominciano in Francia i Mondiali di calcio femminile. L’uguaglianza nello sport è il primo passo verso l’uguaglianza di genere. Leggi

Il Booker prize che racconta l’Oman con gli occhi di una donna

L’omanita Jokha Alharthi è la prima scrittrice del suo paese tradotta in inglese. Dal suo romanzo emerge una società culturalmente ricca, legata alla tradizione e alle prese con la nuova ricchezza nata dal petrolio. Leggi

In Canada la cannabis legale può contrastare la dipendenza da oppioidi

La vendita di cannabis per uso ricreativo potrebbe arginare il rischio di dipendenza tra chi usa farmaci a base di oppioidi. Leggi

Un Nobel all’economia che prova a contrastare i cambiamenti climatici

L’economista di Yale William Nordhaus ha studiato per tutta la vita i costi dei cambiamenti climatici, invocando una tassa sulle emissioni di anidride carbonica per contrastare il riscaldamento globale. Leggi

pubblicità
Parole oltre le sbarre

Giornalista, scrittore e rifugiato curdo in fuga dall’Iran, Behrouz Boochani è incarcerato a Manus dal 2013. Omid Tofighian traduce i suoi articoli inviati via WhatsApp ed è al festival di Internazionale. Leggi

Perché in Niger ci sono militari da tutto il mondo

Il paese ospita truppe da Stati Uniti, Francia, Germania, Canada e Italia. La loro presenza è fonte di malcontento. Leggi

L’empatia per i ragazzi tailandesi non vale per tutti

Le immagini dei ragazzi intrappolati in Thailandia inondano i nostri schermi. Perché altre tragedie di lungo periodo non attirano così tanta attenzione? Leggi

La libertà di internet è a rischio

Il Parlamento europeo sta per votare una riforma del diritto d’autore che potrebbe influenzare significativamente la vita online di milioni di cittadini. Leggi

Perché in Kenya i medici sono in sciopero da tre mesi

Lo sciopero dei medici keniani va avanti dall’inizio di dicembre. Il governo si rifiuta di cedere alle richieste dei dottori e ha perfino dichiarato illegale lo sciopero. Questo ha portato all’arresto e alla detenzione di vari medici. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.