Le autorità dello Sri Lanka hanno proposto ai dipendenti pubblici un giorno libero alla settimana per coltivare i loro orti e prevenire la carenza di generi alimentari. Secondo l’Onu quattro cittadini su cinque sono costretti a saltare dei pasti, scrive The Island. Inoltre chi, tra gli 1,5 milioni di statali, andrà all’estero a cercare lavoro per mandare le rimesse a casa avrà garantita un’aspettativa non pagata di cinque anni.

Questo articolo è uscito sul numero 1465 di Internazionale, a pagina 37. Compra questo numero | Abbonati