“ Il 20 giugno il governo del presidente conservatore Guillermo Lasso ha prolungato ed esteso a sei province del paese lo stato d’emergenza dichiarato tre giorni prima per far fronte allo sciopero nazionale convocato il 13 giugno dalla Confederación de nacionalidades indígenas (Conaie)”, scrive il sito Gk. Le manifestazioni e i blocchi stradali vanno avanti da giorni. La Conaie chiede al governo di prendere provvedimenti contro l’aumento del prezzo della benzina, la mancanza di fertilizzanti agricoli e in generale la crisi economica. Nelle proteste è morta una persona.

Questo articolo è uscito sul numero 1466 di Internazionale, a pagina 30. Compra questo numero | Abbonati