Ecuador

Ecuador

Capitale
Quito
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Dollaro statunitense
Superficie
Proteste in Ecuador
In Ecuador Lenín Moreno è stato proclamato vincitore alle elezioni.
In Ecuador Lenín Moreno è stato proclamato vincitore alle elezioni. Il socialista Moreno, 63 anni, candidato del partito di governo nel paese, è stato ufficialmente proclamato vincitore delle elezioni che si sono svolte domenica e prenderà il posto di Rafael Correa. Il suo avversario, Guillermo Lasso, non riconosce il risultato delle elezioni e ha accusato il governo di frode elettorale.
pubblicità
Chi è Lenín Moreno, il nuovo presidente socialista dell’Ecuador

Un ritratto del socialista Lenín Moreno, in testa alle elezioni presidenziali del 2 aprile in Ecuador. Conosciuto per il suo temperamento affabile e la sua capacità di dialogo, lotta da anni in difesa dei diritti dei disabili. Sarà il primo presidente dell’Ecuador sulla sedia a rotelle. Leggi

In Ecuador l’opposizione contesta la vittoria elettorale del socialista Lenin Moreno.
In Ecuador l’opposizione contesta la vittoria elettorale del socialista Lenin Moreno. A scrutinio quasi ultimato l’ex vicepresidente socialista Lenin Moreno, candidato del partito al potere dal 2007, è dato in vantaggio, con il 51,1 per cento dei voti, sul candidato dell’opposizione Guillermo Lasso. Durante la giornata di domenica, alcune proiezioni avevano assegnato la vittoria a Lasso che contesta la vittoria di Moreno e ha chiesto un nuovo conteggio dei voti.
In Ecuador si procederà con il secondo turno delle elezioni presidenziali
In Ecuador si procederà con il secondo turno delle elezioni presidenziali. Il candidato della sinistra Lenín Moreno non ha più la possibilità di superare la soglia del 40 per cento dei voti, necessaria per vincere al primo turno. Secondo gli ultimi risultati, con il 99,5 per cento delle schede scrutinate, Moreno ha ottenuto il 39,3 per cento dei voti, mentre il secondo candidato Guillermo Lasso (destra) è fermo al 28,1 per cento. Il ballottaggio è previsto per il 2 aprile.
pubblicità
Il candidato del partito di governo vince il primo turno delle elezioni in Ecuador.
Il candidato del partito di governo vince il primo turno delle elezioni in Ecuador. Secondo dati parziali, Lenín Moreno è in vantaggio con il 39 per cento dei voti contro il conservatore Guillermo Lasso. Ci sarà quindi un ballottaggio. Moreno è stato una figura di spicco nel governo di sinistra del presidente Rafael Correa, che si è fatto da parte dopo aver guidato il paese per un decennio. Guillermo Lasso è un ex banchiere e in campagna elettorale, oltre a promettere un milione di posti di lavoro, ha dichiarato che vuole togliere il diritto d’asilo al fondatore di Wikileaks Julian Assange.
L’Ecuador sceglie il successore di Rafael Correa

Dopo il primo turno delle elezioni presidenziali l’Ecuador sembra avviarsi verso il ballottaggio tra Lenín Moreno, il candidato della sinistra sostenuto dall’attuale presidente socialista Rafael Correa, e il suo principale oppositore, Guillermo Lasso. Leggi

L’Ecuador al voto per il primo turno delle elezioni presidenziali e legislative.
L’Ecuador al voto per il primo turno delle elezioni presidenziali e legislative. I cittadini sono chiamati a scegliere il nuovo presidente, il nuovo parlamento e si esprimeranno sul referendum sui paradisi fiscali. Il presidente uscente di sinistra Rafael Correa non partecipa alle elezioni, perché ha già fatto due mandati. L’ex vice presidente Lenin Moreno è in testa ai sondaggi ma dovrà sfidare il candidato conservatore Guillermo Lasso, che ha promesso di ridurre le spese statali e abbassare le tasse. Se nessun candidato otterrà il 40 per cento dei voti, si andrà al ballottaggio.
L’Ecuador punta sulle miniere per uscire dalla crisi

Un tunnel costruito in mezzo alla giungla amazzonica conduce a Fruta del Norte, uno dei giacimenti minerari sui quali l’Ecuador scommette per compensare il crollo del prezzo del petrolio, tra le proteste degli ecologisti e degli indigeni. Leggi

Julian Assange sarà interrogato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra.
Julian Assange sarà interrogato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra. Il fondatore di Wikileaks sarà interrogato da un giudice svedese a Londra, all’interno dell’ambasciata dell’Ecuador in cui si è rifugiato dal 2012. Assange è accusato di violenza sessuale da un tribunale svedese.
pubblicità
Il bilancio delle vittime del terremoto in Ecuador è salito a 646 morti.
Il bilancio delle vittime del terremoto in Ecuador è salito a 646 morti. Lo ha affermato il presidente ecuadoriano Rafael Correa. Il terremoto di sabato 16 aprile ha causato anche più di 12mila feriti e almeno 130 persone sono ancora disperse.
Tra le macerie dell’Ecuador
Il presidente dell’Ecuador vuole tassare i milionari per finanziare la ricostruzione.
Il presidente dell’Ecuador vuole tassare i milionari per finanziare la ricostruzione. Dopo i due terremoti che hanno causato 570 morti, Rafael Correa ha annunciato una serie di misure per raccogliere i tre miliardi di dollari necessari a ricostruire il paese. Tra queste, Correa vuole aumentare l’iva dal 12 al 14 per cento per un anno, e chiedere un contributo una tantum ai milionari e uno ai lavoratori che guadagnano più di mille dollari al mese, proporzionale al loro stipendio.
Nuovo terremoto in Ecuador
Nuovo terremoto in Ecuador. Il 20 aprile un sisma di magnitudo 6,1 ha colpito la costa del paese. L’epicentro è stato localizzato settanta chilometri a sudovest della città di Esmeraldas. Intanto il bilancio delle vittime del terremoto del 16 aprile ha superato i cinquecento morti.
Risveglio dopo il terremoto
pubblicità
I danni del terremoto in Ecuador visti da un drone

Il 16 aprile un terremoto di magnitudo 7,8 sulla scala Richter ha colpito l’Ecuador. Il bilancio è di almeno 413 morti e 2.500 feriti. Un video dell’Afp mostra le città di Portoviejo e Pedernales riprese da un drone. Leggi

Il terremoto in Ecuador ha causato 413 morti e 2.500 feriti.
Il terremoto in Ecuador ha causato 413 morti e 2.500 feriti. È il nuovo bilancio reso noto dal governo. Secondo il presidente Rafael Correa è il peggior sisma degli ultimi settant’anni e la ricostruzione costerà miliardi di dollari. Lo scorso 16 aprile l’Ecuador è stato colpito da una scossa di magnitudo 7,8 con epicentro nell’oceano Pacifico a 27 chilometri dalla costa.
Secondo un nuovo bilancio le vittime del terremoto in Ecuador sono 350.
Secondo un nuovo bilancio le vittime del terremoto in Ecuador sono 350. Sabato 16 aprile il paese è stato colpito da una scossa di magnitudo 7,8 con epicentro nell’oceano Pacifico, a 20 chilometri di profondità e a 28 dalla costa. Per l’Ecuador è il peggior sisma degli ultimi trent’anni. Un primo bilancio parlava di oltre 270 morti e più di duemila feriti, ma il presidente Rafael Correa aveva annunciato che il bilancio sarebbe aumentato “in modo considerevole”.
Emergenza in Ecuador dopo il terremoto

È salito a 272 il numero dei morti causati dal terremoto di magnitudo 7,8 che ha colpito l’Ecuador la sera del 16 aprile. I feriti causati dal sisma, il cui epicentro è stato registrato a 20 chilometri di profondità nell’oceano Pacifico, sono più di duemila. Leggi

Sale a 272 il numero dei morti causati dal terremoto in Ecuador.
Sale a 272 il numero dei morti causati dal terremoto in Ecuador. I feriti sono più di duemila e il presidente Rafael Correa ha annunciato che il bilancio è destinato ad “aumentare in modo considerevole”. Sabato 16 aprile il paese è stato colpito da una scossa di magnitudo 7,8 con epicentro nell’oceano Pacifico, a 20 chilometri di profondità e a 28 dalla costa. Per l’Ecuador è il peggior sisma degli ultimi trent’anni.
pubblicità