Secondo il World drug report delle Nazioni Unite, nel 2020 circa 284 milioni di persone tra i 15 e i 64 anni hanno consumato sostanze stupefacenti, il 26 per cento in più rispetto al 2010. Gli oppioidi hanno causato il 69 per cento dei decessi legati all’abuso di sostanze. Quella più diffusa è la cannabis, con circa 209 milioni di utilizzatori. La sua legalizzazione in Nordamerica sembra averne fatto aumentare l’uso quotidiano, soprattutto tra i giovani adulti, con conseguenze negative per la salute.

Questo articolo è uscito sul numero 1467 di Internazionale, a pagina 111. Compra questo numero | Abbonati