Salute

In Madagascar un vaccino può salvare la vita

Sull’isola è in corso una grave epidemia di morbillo che ha già causato quasi mille morti. I genitori cercano i vaccini, ma sono introvabili o troppo cari. Leggi

L’America Latina sta perdendo la battaglia contro le gravidanze precoci

La maternità precoce fa male alle madri, ai bambini e alla società. Ma tutta l’America Latina è gravemente in ritardo nel contrasto del fenomeno. Leggi

pubblicità
La vita ai tempi dell’ebola nella Repubblica Democratica del Congo

Nella regione orientale del Nord Kivu l’epidemia di ebola è scoppiata nell’agosto 2018. Per gli abitanti il trauma non è solo sanitario. Leggi

L’inquinamento atmosferico è una emergenza sanitaria mondiale

Non sono solo i fumi dei tubi di scappamento delle automobili a riempire le nostre città di polveri sottili. Perché l’inquinamento atmosferico è in aumento? Chi ne è più colpito? E che possiamo fare noi? Leggi

In Canada la cannabis legale può contrastare la dipendenza da oppioidi

La vendita di cannabis per uso ricreativo potrebbe arginare il rischio di dipendenza tra chi usa farmaci a base di oppioidi. Leggi

pubblicità
Toccati le tette, una campagna per prevenire il cancro al seno

La giornalista Mona Chalabi e la regista Mae Ryan hanno realizzato un video sull’importanza dell’autopalpazione. Leggi

Perché le malattie a trasmissione sessuale sono in aumento

Alla base c’è un comportamento immutabile e semplice: fare sesso non protetto con una persona infetta. Ma oggi la gente sembra semplicemente meno preoccupata dei rischi. Leggi

I videogiochi non sono una malattia

Un uso eccessivo dei videogiochi può essere sintomo di disturbi mentali già esistenti. Ma bisogna affrontare i fattori sociali, politici ed economici che spingono le persone ad abusi di sostanze e situazioni. Leggi

Il mondo vuole delle donne trasparenti

Perché non ci preoccupiamo di più per l’epidemia di disordini alimentari? Forse perché riguarda quasi solamente le donne? Leggi

La sanità pubblica è una risorsa da difendere

Tutti i paesi dovrebbero avere un sistema sanitario pubblico: nel Regno Unito ha garantito un’aspettativa di vita alla nascita di quasi tre anni superiore a quella degli Stati Uniti. Leggi

pubblicità
La morte non è uguale per tutti

Tra il 2010 e il 2013 sono state somministrate 298,5 tonnellate di morfina. Di queste, solo cento chili sono arrivati a malati che vivono in paesi a basso reddito. Leggi

I colombiani sono sfiniti dalla guerra  e malati di troppo zucchero

Il conflitto non consentiva di pensare a questioni altrettanto importanti, come il diritto alla salute violato dalle multinazionali alimentari. Leggi

Le contraddizioni della lotta all’aids

In Nordeuropa si cerca di normalizzare la sieropositività, ma in Italia si assiste a una drastica diminuzione delle campagne di prevenzione dell’hiv. Leggi

Medici, pazienti e braccialetti elettronici

Una nuova serie di strumenti digitali sta cercando di coinvolgere il paziente nella cura della sua salute. Leggi

Nessuno sa quanto dormiamo veramente

Tra tutti i misteri del sonno si aggiunge quello di non sapere quanto abbiamo dormito la notte scorsa. Leggi

pubblicità
La città bianca dell’amianto

A Casale Monferrato lo stabilimento Eternit ha disperso per anni polvere di amianto. Migliaia di persone sono morte. Alcune delle loro storie. Leggi

Contro il consumismo medico

È vero che, quando se ne ha la possibilità, è sempre meglio sottoporsi a esami medici o cure preventive? Il cardiologo Marco Bobbio pensa di no e lo spiega in questo libro. Leggi

La guerra dei vaccini finisce in tribunale

Secondo i giudici ricevere un vaccino è meno pericoloso che restare non vaccinati. Leggi

Una terapia genica per le malattie dell’emoglobina

Per la prima volta la terapia genica è stata usata per trattare l’anemia falciforme, una malattia ereditaria, piuttosto comune in alcune regioni del mondo. Secondo New Scientist, la ricerca potrebbe segnare una svolta, in quanto per quasi trent’anni la terapia genica è stata applicata solo alle malattie rare. Leggi

I rischi ambientali sono responsabili della morte di 1,7 milioni di bambini al mondo ogni anno.
I rischi ambientali sono responsabili della morte di 1,7 milioni di bambini al mondo ogni anno. Più di un bambino su quattro muore prima dei cinque anni di età a causa di problemi quali inquinamento dell’aria, dentro e fuori casa, fumo passivo, mancanza di acqua potabile, presenza di zanzare dovuta all’ambiente malsano e incidenti, per esempio avvelenamenti da pesticidi. Secondo l’Oms, gli investimenti nella sicurezza ambientale potrebbero portare a grandi benefici sanitari.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.