03 marzo 2022 14:52

La scienziata ucraina Svitlana Krakovska non aveva mai incontrato il ricercatore russo Oleg Anisimov prima della riunione virtuale organizzata dalle Nazioni Unite lo scorso fine settimana. Era solo un altro rappresentante del governo che si trovava lì ad approvare il riassunto di un nuovo terribile rapporto di 3.500 pagine che illustra quanto il mondo sia impreparato ad affrontare il cambiamento climatico.

Adesso Krakovska è preoccupata per l’incolumità della sua controparte russa. Al termine della riunione a porte chiuse, Anisimov ha compiuto il passo inaspettato di rivolgersi alla delegazione ucraina per scusarsi per l’invasione militare russa. “Tutti coloro che sanno cosa sta succedendo non riescono a trovare alcuna giustificazione per questo attacco contro l’Ucraina”, ha affermato, riporta una fonte interna alle discussioni e ai resoconti pubblicati della riunione del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (Ipcc).

I commenti sono trapelati sui mezzi d’informazione il 27 febbraio. A fronte di una certa opposizione alla guerra all’interno della Russia, è emerso anche che il capo della ricerca sui cambiamenti climatici presso l’Istituto idrologico statale russo e qualcuno che rappresentava il paese in veste ufficiale avrebbero espresso disagio per l’invasione. Anisimov, da parte sua, non ha risposto alle domande.

Lavorare sotto le bombe
“Sono preoccupata per il mio collega russo”, ha detto Krakovska, 53 anni, una scienziata che lavora per l’Istituto idrometrologico ucraino e ha parlato con Bloomberg dalla sua casa di Kiev, dove si trovava quando sono cominciati gli attacchi dell’esercito russo. Allo scoppio della guerra, ha scritto al capo dell’Ipcc che la sua delegazione avrebbe continuato a “lavorare se avremo una connessione internet e nessun missile sopra le nostre teste”. Ma il suo gruppo ha dovuto rinunciare, ha spiegato, dopo che alcuni colleghi sono stati costretti a cercare scampo dalle bombe russe.

La sua situazione attuale è difficile: l’edificio dove abita non ha un seminterrato, ha detto Krakovska, perciò si tiene al sicuro andando al bagno nel centro dell’appartamento ogni volta che sente delle esplosioni. Quando suonano le sirene dei raid aerei, copre le finestre con i vestiti.

“Non possiamo cambiare le leggi del mondo fisico, ma è nostra responsabilità cambiare le leggi della civiltà umana per un futuro climatico resiliente”

Krakovska ha studiato in Russia e ha dei parenti lì. È arrabbiata per la guerra anche perché si rende conto che la Russia sta scegliendo di usare i suoi soldi del petrolio e del gas per armarsi e comprare missili piuttosto che aiutare la sua stessa gente. “Ho viaggiato attraverso la Russia e molte persone vivono in povertà”, ha detto.

Le scuse di Anisimov per l’invasione russa sono arrivate dopo che Krakovska ha pronunciato le sue osservazioni alla riunione dell’Ipcc, seguita da delegati di 195 paesi, stabilendo un collegamento diretto tra la guerra nel suo paese e il cambiamento climatico.

“Qualcuno potrebbe dirci che l’Ipcc non è un organismo politico e che dovrebbe solo valutare la scienza relativa ai cambiamenti climatici. Vi assicuro che il cambiamento climatico indotto dall’uomo e la guerra contro l’Ucraina hanno collegamenti diretti e le stesse radici. Si tratta dei combustibili fossili e della dipendenza dell’umanità da essi”, ha detto Krakovska ai suoi colleghi, parlando in inglese. “Le emissioni di gas serra hanno modificato l’equilibrio energetico del pianeta, mentre la facilità di ricevere energia da carbone, petrolio e gas ha cambiato gli equilibri di potere nel mondo. Non possiamo cambiare le leggi del mondo fisico, ma è nostra responsabilità cambiare le leggi della civiltà umana per un futuro climatico resiliente”.

Anni di lavoro oscurati
Nelle sue osservazioni, Krakovska ha ricordato che la guerra che devasta il suo paese oscurerà gli anni di lavoro scientifico di centinaia di ricercatori presentato nel rapporto dell’Ipcc pubblicato il 28 febbraio. Ha anche suggerito che “l’Ucraina possa diventare oggetto di studio di gruppi vulnerabili ai cambiamenti climatici” sulla base della sua attuale esperienza di “guerra e di un numero crescente di profughi”.

pubblicità

Krakovska nel 2021 ha ricevuto un premio dal presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj per aver guidato le spedizioni nell’Artico e nell’Antartico. “Ho viaggiato per il mondo e ho visto questo bellissimo pianeta”, ha detto nell’intervista. “E voglio conservarlo per i miei figli”. Krakovska è stata tra le autrici del precedente rapporto dell’Ipcc pubblicato ad agosto. Stavolta ha partecipato alla riunione come parte della delegazione del governo ucraino, non come autrice.

Dopo aver ascoltato parole di solidarietà dalle delegazioni di Canada, Stati Uniti e di molti paesi europei, si è resa conto di dover dire qualcosa lei stessa. Le riunioni dell’Ipcc si svolgono sotto l’egida delle Nazioni Unite durante le quali le scienziate e gli scienziati stanno attenti a evitare discussioni politiche.

“Non volevo minare la credibilità dell’Ipcc”, ha detto Krakovska. “Ma poi ho capito che questa guerra non era solo una guerra contro l’Ucraina. È una guerra contro l’umanità”. Ecco perché ha parlato al termine della riunione dell’Ipcc sull’impatto dell’invasione russa. Krakovska ha ricevuto molte offerte di lavoro dall’estero. Dice di apprezzarle, ma non ha intenzione di andarsene. “Perché dovrei? Questa è casa mia”, ha detto. “Non voglio essere una profuga”.

Questo articolo è uscito su Bloomberg.