Alessio Marchionna

Lavora a Internazionale ed è l’editor delle pagine statunitensi. Su Twitter: @alessiomarchio

Alessio Marchionna
Nell’America profonda il cambiamento parte dagli insegnanti

Viaggio in West Virginia alla vigilia delle elezioni di metà mandato. I giornalisti lo chiamano il paese di Trump, in realtà è il centro di un attivismo sindacale che ha contagiato il resto del paese. Leggi

Una storia d’immigrazione americana

Alla fine dell’ottocento un tedesco di sedici anni emigrò da solo negli Stati Uniti, si arricchì aprendo bordelli, diventò cittadino americano e permise ai suoi eredi di creare un impero. Leggi

pubblicità
L’uomo che sta cancellando i diritti civili negli Stati Uniti

Jefferson Beauregard Sessions si è dato una missione che consiste fondamentalmente nello smantellare l’edificio dei diritti civili che gli Stati Uniti hanno faticosamente costruito negli ultimi sessant’anni. Leggi

Il decreto di Trump non risolve il problema dei bambini migranti

La decisione del presidente dimostrerebbe che la linea dura degli estremisti dell’amministrazione è stata sconfitta. In realtà alla lunga la soluzione potrebbe essere peggiore del problema. Leggi

La nuova aristocrazia americana

Manager, avvocati, medici e altri professionisti sono la vera élite statunitense. Sono il dieci per cento della popolazione, detengono il potere economico, politico e culturale e lo tramandano ai loro figli. Leggi

pubblicità
I trumpiani che non seguono Trump sull’immigrazione

Nell’ultimo anno e mezzo è aumentato drasticamente il numero di immigrati senza documenti arrestati. È una conseguenza delle linee guida che l’amministrazione Trump ha dato ai procuratori e alla polizia in tutto il paese. Leggi

A scuola di ribellione negli Stati Uniti

Il movimento degli studenti contro le armi dà voce a un’indignazione che viene da lontano, ed è un atto d’accusa ai valori centrali della società americana. Leggi

La primavera dei sindacati statunitensi

Le vittorie ottenute dai lavoratori in West Virginia sono particolarmente importanti. Perché segnalano la forza di un attivismo che parte dalla base. Leggi

Quanto deve preoccuparsi Trump dell’inchiesta sulla Russia?

Trump non sbaglia quando dice che finora l’inchiesta non l’ha toccato. Ma nessuno oltre alla squadra di Mueller sa cos’abbiano in mano gli inquirenti. Leggi

Perché gli Stati Uniti non fanno niente sulle armi

Dopo ogni strage si mette in scena un rituale: si prega per le vittime, si invita tutta la nazione a sostenere la comunità colpita, si chiede di non politicizzare la vicenda. E si fa in modo di dimenticare in fretta. Leggi

pubblicità
Trump usa le università come terreno di scontro politico

Donald Trump ha sempre detto di adorare le persone poco istruite, dimostrando che il trumpismo è un movimento culturale più che un progetto politico. Oggi a farne le spese sono gli studenti. Leggi

I diritti minacciati dall’amministrazione Trump

Contraccezione, aborto, matrimoni omosessuali sono conquiste costate anni di lotte civili. Ma ora sono messi a rischio da provvedimenti che stanno passando inosservati. Leggi

A Washington le donne puntano in alto

Un anno fa 500mila persone partecipavano alla marcia delle donne contro il sessismo di Donald Trump. E da allora qualcosa si sta muovendo nel panorama politico statunitense. Leggi

La settimana in cui Donald Trump ha dichiarato guerra agli immigrati

In un anno l’amministrazione Trump ha introdotto dei cambiamenti che stanno avendo conseguenze enormi, non solo per gli immigrati ma anche per il modo in cui il resto del mondo vede gli Stati Uniti. Leggi

Chi ha mandato in rovina gli Stati Uniti?

Tra gli americani sembra diffusa la convinzione che il paese stia procedendo nella direzione sbagliata, e vecchie e nuove generazioni si accusano reciprocamente di esserne responsabili. Leggi

pubblicità
Perché è importante la vittoria di un democratico in Alabama 

La vittoria di Doug Jones è storica perché i repubblicani hanno fatto di tutto per sopprimere il diritto al voto delle minoranze, in particolare dei neri. Leggi

Trump prosegue la guerra culturale che aveva promesso

L’ambasciata a Gerusalemme, l’appoggio al candidato accusato di molestie sessuali, le tasse tagliate ai più ricchi, sono parte di un programma ancora apprezzato dagli elettori. Leggi

I giovani sindaci neri che vogliono cambiare gli Stati Uniti

Le ultime elezioni statali e locali hanno dimostrato il potenziale politico di una coalizione emergente formata da donne, neri, ispanici e attivisti lgbt. Leggi

Gli oppositori di Donald Trump sono ancora senza una strategia

Malgrado le ultime vittorie elettorali, la fazione moderata e quella più radicale del Partito democratico sono in disaccordo praticamente su tutto. Leggi

Il dramma di Puerto Rico è già stato dimenticato

Paesaggi devastati e milioni di persone senza luce e acqua potabile. Un mese e mezzo dopo il passaggio dell’uragano Maria, Puerto Rico è ancora in ginocchio, racconta Ana Teresa Toro, scrittrice e giornalista portoricana. Leggi

pubblicità