L’attivista Tep Vanny scortata fuori del tribunale a Phnom Penh, Cambogia, il 27 febbraio 2017. (Satoshi Takahashi, Getty Images)

La Cambogia incarcera chi si oppone agli espropri delle terre

L’attivista Tep Vanny scortata fuori del tribunale a Phnom Penh, Cambogia, il 27 febbraio 2017. (Satoshi Takahashi, Getty Images)
24 aprile 2017 13:00

Ancor prima che un giudice cambogiano condannasse al carcere Tep Vanny per le sue attività in difesa del diritto alla terra, i suoi compagni avevano dichiarato che il suo destino era già stato deciso. Vanny si è battuta contro gli espropri di migliaia di abitanti dai terreni vicini al lago nella capitale Phnom Penh per fare spazio alla costruzione di edifici di lusso. Ciononstante è stata condannata a due anni e mezzo di prigione per il suo ruolo in una manifestazione di protesta fuori della residenza del primo ministro Hun Sen, nel 2013.

È stata giudicata colpevole d’incitamento alla violenza e aggressione alle forze di sicurezza, mentre tentava di consegnare a Hun Sen una petizione relativa alla disputa sui terreni. La condanna è arrivata malgrado diversi testimoni oculari sostengano che né Vanny né gli altri manifestanti abbiano commesso azioni violente, ed è stata criticata dagli attivisti come un ulteriore passo nella repressione del dissenso nel paese del sudest asiatico.

“I tribunali non agiscono secondo coscienza. Aspettano semplicemente gli ordini dei potenti”, ha dichiarato Vanny, una donna di 35 anni e madre di due figli, nel corso di una sospensione del suo processo, prima che fosse pronunciato il verdetto. “È facile usare il tribunale. Usano il mio caso per intimidire altre persone… E spaventarne altre, per spingerle a non protestare”.

Il land grabbing e le espulsioni forzate sono un problema grave in Cambogia, dove migliaia di famiglie vengono cacciate dalle campagne o dalle aree urbane per fare spazio a progetti immobiliari, estrattivi o agricoli. Nel tribunale di Phnom Penh, tre donne hanno testimoniato a favore di Vanny, affermando che le forze dell’ordine hanno picchiato i manifestanti. Al che il giudice Long Kesphirum ha chiesto: “E allora perché gli agenti sono rimasti feriti?”.

I tre agenti che l’hanno denunciata non hanno testimoniato. Mentre il cancelliere del tribunale leggeva le loro dichiarazioni, quasi identiche tra loro, e secondo le quali Vanny aveva incitato alla violenza i manifestanti, la donna è rimasta con le mani giunte, in atteggiamento di preghiera.

Il portavoce del governo cambogiano Phay Siphan ha respinto le accuse secondo le quali lo stato starebbe utilizzando l’apparato giudiziario per perseguitare gli oppositori. “Le decisioni prese dalla giustizia si fondano su fatti e su basi legali, non sono politiche”, ha dichiarato Siphan. “Il solo scopo di chi dice il contrario è di creare confusione e diffondere l’idea falsa che in Cambogia tutto sia controllato dal primo ministro Hun Sen”.

Secondo la Lega per i diritti umani cambogiana, quando le comunità protestano contro gli espropri, le autorità e e le aziende rispondono con minacce e intimidazioni

Con i suoi 15 milioni di abitanti, la Cambogia è un paese povero con molti precedenti di dispute sui diritti della terra, molte delle quali risalgono agli anni settanta, quando il regime dei Khmer rossi distrusse i registri catastali.

Tra il 2000 e il 2014 circa 770mila cambogiani, più del 6 per cento della popolazione, sono stati vittime di conflitti legati alla terra, secondo le accuse presentate dagli avvocati specializzati in diritti umani presso la corte penale internazionale (Icc) dell’Aja.

In un rapporto del 2016, la Lega cambogiana per la promozione e la difesa dei diritti umani (Licadho) afferma che l’assenza di un registro pubblico dei terreni in grado di chiarire i confini delle proprietà demaniali permette alle autorità di confiscare terre, sostenendo che le famiglie coinvolte vivono in aree appartenenti allo stato. Secondo il rapporto del Licadho, quando le comunità protestano contro gli espropri dei terreni, le autorità e le grandi aziende rispondono con intimidazioni, violenza e persecuzione giudiziaria.

Una strategia sistematica
Vanny è l’attivista più nota della zona di Boeung Kak, a Phnom Penh, che un tempo era un grande e suggestivo lago, oggi interrato per fare spazio a progetti edilizi. I tre uomini che l’hanno denunciata appartengono all’unità di sicurezza Daun Penh, che secondo i mezzi d’informazione locali è nota per la sua violenza. Uno di loro, Hor Hoeun, ha dichiarato nella sua deposizione di essere stato colpito alla testa con un megafono da uno dei manifestanti. Un altro, Uk Rotana, afferma di essere stato colpito da una donna di cinquant’anni con una borsa. Il terzo testimone ha infine dichiarato di aver trovato una borsa con delle pietre al suo interno.

I tre uomini si sono presentati in tribunale per l’udienza ma non sono entrati in aula. Hanno rifiutato di essere intervistanti lasciando che fosse il loro capo, Kim Vutha, a parlare a loro nome. “Non volevamo ricorrere alla violenza”, ha sostenuto Vutha, difendendo la sua unità dopo che stampa, testimonianze oculari e alcuni filmati hanno riferito delle violenze contro i manifestanti. “Il video è filmato da un angolazione che dà un’immagine sbagliata di noi”.

Durante il processo, la testimone della difesa Bo Chhorvy ha riferito che le sentinelle hanno rotto il braccio di un manifestante e fatto perdere tre denti a un altro. I manifestanti avevano con sé unicamente fiori di loto e megafoni, ha dichiarato alla corte. “Questo verdetto mostra una volta di più che in Cambogia non c’è giustizia per gli attivisti dei diritti umani locali che lottano per difendere le loro terre e le loro comunità dalle attività immobiliari predatorie orchestrate dal primo ministro Hun Sen e dai suoi compari”, ha dichiarato Phil Robertson, vicedirettore di Human rights watch Asia. “Il verdetto fa parte di una strategia sistematica e sempre più chiara che consiste nel creare ostacoli legali ai difensori dei diritti umani e agli oppositori politici per costringerli al silenzio”, ha concluso Kingsley Abbott, consulente legale presso la International commission of jurists.

(Traduzione di Federico Ferrone)

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La musica di Clap! Clap! per i Sassi di Matera
Giovanni Ansaldo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.