Sommario

80 (26 maggio 1995)

Internet in guerra

La rete più grande del mondo può servire anche a combattere. Per quindici giorni è servita agli abitanti di Sarajevo per lottare contro l’isolamento e comunicare con il resto del pianeta. Ecco le lettere dal fronte di questa guerra dei nostri giorni.

80 (26 maggio 1995)

Messico

Una giornata di negoziati nel Chiapas

Il governo messicano e gli indios ribelli dell’Esercito zapatista del Chiapas hanno cominciato a trattare. Restano difficoltà e ostacoli. L’inviato del giornale messicano La Jornada racconta un giorno in un villaggio della zona, mentre si discute, diffidenti, sul futuro.

Unione europea

L’armata dei lobbisti ha invaso il Parlamento europeo

Il bravo lobbista europeo conosce tutti a Bruxelles e si aggira per i corridoi pronto a catturare ogni deputato di passaggio. Ci sono tantissimi gruppi di pressione diversi, dagli ambientalisti al Comitato per le maionesi. Ecco chi sono e cosa fanno.

pubblicità

Asia centrale

La via dell’oppio prende il posto della via della seta

Il caos economico e politico, la posizione geografica e la guerra civile rendono i paesi dell’Asia centrale il luogo ideale per il traffico della droga. Reportage di Michael Specter del New York Times.

In copertina

Sarajevo Alive, Sarajevo On Line

Tra il 29 marzo e il 12 aprile i cittadini della capitale bosniaca assediata hanno potuto comunicare con il resto del mondo tramite Internet. Richieste di giustizia. Descrizioni della vita quotidiana. Messaggi a parenti e amici. Per cercare di strappare la città dell’isolamento.

Stati Uniti

La relativa umanità delle armi non letali

È in atto una rivoluzione nelle tecnologie offensive: dalle armi intelligenti della guerra del Golfo a soluzioni ancora più “geniali” che utilizzano sistemi digitalizzati sempre più evoluti.

pubblicità

Gran Bretagna

Gli uomini volanti di Bognor

Ogni autunno, da ventidue anni, una gara di volo richiama turisti e curiosi nella cittadina costiera inglese di Bognor Regis, nel West Sussex. I partecipanti costruiscono da soli il loro mezzo trasporto e devono sfruttare solo l’energia umana per volare. Le foto di Dod Miller.

Mali

L’antica civiltà dei dogon rischia di scomparire

L’altopiano Dogon si trova nella parte sudorientale del Mali. Le sue città ricordano ancora i tempi di un passato splendore. Ma una visita a Bandiagara rivela uno stato di decadenza totale: non c’è acqua, non c’è elettricità e gli edifici sono pericolanti.

Gran Bretagna

L’occupazione delle isole di Jersey e Guernsey

Le Isole del Canale sono state l’unica parte del territorio britannico a essere conquistata dai tedeschi durante la guerra mondiale. Le relazioni tra occupanti e occupati sono state “corrette”. Ma tutti, isolani e inglesi, sembrano voler dimenticare alcuni episodi.

Spagna

È arrivata la democrazia light

Ha l’aspetto e la struttura della democrazia propriamente detta. Con alcune varianti, però: la superficialità, l’irresponsabilità, l’assenza di etica e il culto di denaro. Dalle pagine di El Pais un’analisi dello scrittore uruguaiano Mario Benedetti.

estonia

Gli estoni si specchiano nelle nuove telenovelas

Ogni quindici giorni un terzo della popolazione estone si chiude in casa a seguire le vicende degli eroi di Via della fortuna 13. E mentre la vita brillante dei nuovi ricchi scorre sullo schermo, gli spettatori vengono bombardati da pubblicità più o meno occulte.

pubblicità

Visti dagli altri

Puglia, porta dell’Europa per i clandestini

È la regione italiana da cui moltissimi immigranti, di diverse nazionalità, entrano nel continente diretti un po’ ovunque. Un giornalista di Libération va a vedere chi sono, da dove vengono, chi li aiuta. E qual è il ruolo della criminalità organizzata.

Opinioni

Opinioni a confronto. Thomas G. Denomme, Washington Post e Nihon Keizai Shimbun.

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.