Sommario

98 (29 settembre 1995)

Lo sguardo di Ulisse

Dal nord della Grecia a Sarajevo, il viaggio di Theo Angelopulos, Harvey Keitel e Gian Marie Volonté, fotografati da Josef Koudelka.

98 (29 settembre 1995)

Balcani

Lo specchio appannato dei Balcani

“Lo sguardo di Ulisse”, il nuovo film di Theo Angelopulos, è una splendida e pessimistica riflessione sullo stato del mondo e del cinema. Il fotografo Josef Koudelka ha accompagnato il regista greco in questo viaggio alla ricerca dell’innocenza perduta.

Lussemburgo

Il piccolo furbacchione è diventato indispensabile

Il Lussemburgo, che conta appena 360mila abitanti, è riuscito a imporsi sulla scena europea. Semplice anomalia? Tutt’altro: è il risultato di un’abile tattica, come spiega sul quotidiano danese Jyllands-Posten un ex alto funzionario europeo.

pubblicità

Argentina

Menem e Cavallo, la strana coppia

Nonostante le sue clamorose dichiarazioni a proposito della cricca “mafiosa” che circonda il presidente, Domingo Cavallo rimane ministro dell’Economia. I due uomini, uno populista l’altro neoliberale, sono condannati ad andare d’accordo per rassicurare gli investitori stranieri.

Visti dagli altri

Ma il tovagliolo era ottimo!

Un inviato di Weltwoche ha girato l’Europa per sperimentare come si mangia a bordo dei treni. In Italia ha provato il Pendolino. Paesaggio a parte, è stata un’esperienza terribile: vino in bicchieri da Coca-cola, pasta scondita, carne bollente, pane duro.

Stati Uniti

La rinascita del sindacato

Sorpresa: dopo anni di sconfitte i sindacati americani ricominciano a farsi sentire. I lavoratori non specializzati, quelli che hanno meno prospettive, si stanno organizzando. Un’inchiesta del Wall Street Journal, il giornale statunitense della classe dirigente.

pubblicità

Diplomazia

Aiuti tedeschi all’opposizione zulu

Paul Stober & Marion Edmonds, Weekly Mail & Guardian.

Repubblica Ceca

La nuova missione di Radio Free Europe

Negli anni della Guerra fredda è stata la voce degli Stati Uniti nei paesi dell’Europa orientale. Ma dopo la caduta del muro di Berlino, Radio Free Europe è rimasta orfana del comunismo. Recentemente è stata trasferita da Monaco a Praga. E il suo avvenire è minacciato.

Etiopia

Nessuno si ricorda più di Live Aid

Dieci anni fa la guerra e la carestia colpivano l’Etiopia. La rock star britannica Bob Geldof decideva di organizzare un grande evento musicale per raccogliere fondi. Ma quei soldi non sono stati utilizzati al meglio. E il paese non ha raggiunto l’autosufficienza.

Iraq

Il sogno svanito di uno Stato curdo a nord dell’Iraq

Il Kurdistan iracheno è spaccato a metà, diviso da una lotta fratricida che oppone i militanti di due partiti curdi. E ora si aggiunge il Pkk, che chiede di essere riconosciuto come forza regionale. In un reportage di Libération l’analisi del possibile futuro della regione.

Opinioni

Opinioni a confronti. Howard French, The New York Times e Adeeye Adebajo, Newswatch.

pubblicità

Russia

Dal panslavismo al regionalismo proposte per la politica estera russa

Nel confuso presente russo, le forze e i leader politici cercano una collocazione geopolitica per il loro paese. Le ipotesi sono molte: dal nazionalismo aggressivo all’isolazionismo, dal regionalismo al modello euroasiatico. Un’analisi di Novoe Vremja.

Indonesia

L’ultimo sovrano di Jakarta

Capo dello Stato da quasi trent’anni, il generale Suharto è una figura controversa. Sotto la sua guida il paese ha raggiunto la stabilità e la prosperità economica. Ma questi traguardi sono stati pagati a caro prezzo, con gravi limitazioni delle libertà democratiche.

Gran Bretagna

Alla ricerca degli spermatozoi scomparsi

Il seme maschile si sta deteriorando. Tra i responsabili ci sarebbero alcune sostanze chimiche estrogene che, danneggiando il sistema endocrino, farebbero diminuire la quantità di spermatozoi e aumentare l’incidenza del cancro ai testicoli. Un’inchiesta di New Scientist.

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.