È morto il magistrato preso in ostaggio in un tribunale a Istanbul

Mehmet Selim Kiraz era stato sequestrato da due uomini armati appartenenti a un gruppo di estrema sinistra

Cos’era successo al parco Gezi

Il procuratore Mehmet Selim Kiraz era il responsabile delle indagini sulla morte di Berkin Elvan, il ragazzo di 15 anni colpito alla testa da un candelotto lacrimogeno sparato dalla polizia turca il 16 giugno del 2013 durante le proteste antigovernative al parco Gezi. Elvan non stava partecipando alle manifestazioni ed è morto l’11 marzo 2014 senza mai essere uscito dal coma.

Bbc

pubblicità
Morto il magistrato rapito a Istanbul

È morto il magistrato Mehmet Selim Kiraz, rapito oggi nel tribunale di Istanbul dal gruppo di estrema sinistra Fronte-Partito di liberazione del popolo della Turchia. Lo ha scritto su Twitter il ministro degli esteri turco. Kiraz era rimasto gravemente ferito nel corso del blitz organizzato dalla polizia per liberarlo. Reuters

Il magistrato rapito a Istanbul gravemente ferito nel blitz della polizia

Il magistrato Mehmet Selim Kiraz, il magistrato rapito nel tribunale di Istanbul da dal gruppo di estrema sinistra Fronte-Partito di liberazione del popolo della Turchia, è rimasto gravemente ferito durante il blitz della polizia per liberarlo. L’uomo si trova in sala operatoria. Due uomini armati del gruppo estremista sono stati uccisi. Lo conferma la polizia.

Nel tribunale di Istanbul è in corso un’operazione per liberare Mehmet Selim Kiraz, il magistrato rapito da dal gruppo di estrema sinistra Fronte-Partito di liberazione del popolo della Turchia. Al Jazeera

Nel tribunale di Istanbul è in corso un’operazione per liberare Mehmet Selim Kiraz, il magistrato rapito da dal gruppo di estrema sinistra Fronte-Partito di liberazione del popolo della Turchia. I testimoni hanno sentito diversi spari. Al Jazeera

pubblicità
Davanti al tribunale
Magistrato rapito a Istanbul: la diretta

La diretta dell’agenzia Doğan News Agency (Dha) di fronte al tribunale di Istanbul, dove un gruppo di uomini armati ha preso in ostaggio il magistrato Mehmet Selim Kiraz. L’edificio è stato evacuato.

Turchia, le richieste degli uomini che hanno preso in ostaggio il magistrato 

Proseguono le trattative tra la polizia e il gruppo di estrema sinistra Fronte-Partito di liberazione del popolo della Turchia sul rilascio del magistrato Mehmet Selim Kiraz, rapito poco fa nel tribunale di Istanbul.

I sequestratori hanno presentato una serie di richieste: una confessione dei poliziotti sospettati di aver sparato al quindicenne Berkin Elvan nel giugno 2013, l’istituzione di “un tribunale del popolo” che apra un processo nei loro confronti e l’assoluzione di tutte le persone portate in tribunale per aver organizzato delle manifestazioni in solidarietà di Elvan. Hürriyet

Le forze speciali fanno irruzione nel tribunale di Istanbul

Le forze speciali turche hanno fatto irruzione nel tribunale di Istabul dove un gruppo di uomini armati ha preso in ostaggio il magistrato Mehmet Selim Kiraz. L’edificio è stato evacuato. L’attacco è stato rivendicato dal gruppo di estrema sinistra Fronte-Partito di liberazione del popolo della Turchia, che ha pubblicato una fotografia del procuratore con una pistola puntata alla testa.

Mehmet Selim Kiraz è incaricato di seguire le indagini sulla morte di Berkin Elvan, 15 anni, avvenuta l’11 marzo del 2014 dopo un coma 269 giorni. Il ragazzo era stato ferito alla testa nel giugno del 2013 da una cartuccia di gas lacrimogeno lanciata dalla polizia durante una manifestazione contro il governo. Il gruppo ha minacciato di uccidere Kiraz se non sarà arrestato il poliziotto che ha sparato a Berkin. Al Jazeera

Magistrato preso in ostaggio in un tribunale a Istanbul 

Alcuni uomini armati hanno preso in ostaggio un magistrato in un tribunale di Istanbul. Mehmet Selim Kiraz era incaricato di seguire un’inchiesta aperta in seguito alla morte di un giovane colpito dalle pallottole della polizia durante le manifestazioni contro il governo del 2013 a parco Gezi. Durante l’attacco sono stati sparati colpi di arma da fuoco in una sala del palazzo di giustizia della città. Alcuni mezzi d’informazione locali hanno attribuito l’azione a un gruppo di estrema sinistra turco. Afp

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.