In Pakistan i taliban rivendicano l’attentato contro l’elicottero con diplomatici stranieri

L’elicottero è stato abbattuto nel nord est del paese ed è precipitato su una scuola. Sono morti i due piloti,  gli ambasciatori di Norvegia e Filippine e le mogli degli ambasciatori di Malesia e Indonesia

Sale a sette il numero dei morti per l’elicottero precipitato in Pakistan

È di almeno sette morti il nuovo bilancio delle vittime dell’elicottero che si è schiantato contro una scuola nell’estremo nordest del Pakistan. Il bilancio è stato aggiornato su Twitter dal portavoce militare Asim Bajwa, che smentisce la matrice terroristica dell’incidente. Secondo la fonte, le vittime sono gli ambasciatori di Norvegia e delle Filippine, Leif Larsen e Domingo Lucenario; le mogli degli ambasciatori della Malesia e dell’Indonesia in Pakistan; due piloti e un membro dell’equipaggio.

Il MI-17 stava accompagnando una delegazione di ambasciatori e giornalisti all’inaugurazione di un progetto governativo nella regione montuosa del Gilgit Baltistan, nota come base di partenza per le spedizioni in Himalaya e Karakoram, quando è precipitato contro una scuola e ha immediatamente preso fuoco. I taliban pachistani hanno rivendicato l’abbattimento del velivolo con un comunicato pubblicato dal quotidiano The Express Tribune, in cui il portavoce dei Tehrik-i-Taliban Muhammad Khorasani spiegava che l’obiettivo dell’attacco era il primo ministro Nawaz Sharif. Ora il portavoce militare sostiene che l’incidente sarebbe stato causato da problemi tecnici dell’elicottero in fase di atterraggio, sottolineando che altri due elicotteri che viaggiavano nel convoglio hanno raggiunto la destinazione senza problemi.

Non si hanno ancora notizie precise invece della scuola del villaggio di Noman, nella valle del fiume Naltar, su cui è precipitato l’elicottero. Secondo alcune fonti ospedaliere “al momento dello schianto nell’edificio c’erano dei bambini”, quindi il numero dei morti potrebbe aumentare.

I taliban rivendicano l’abbattimento dell’elicottero a Gilgit in Pakistan

I taliban pachistani hanno rivendicato l’abbattimento dell’elicottero militare precipitato stamattina a Gilgit con a bordo diplomatici stranieri e giornalisti. In un comunicato pubblicato dal quotidiano The Express Tribune, il portavoce dei Tehrik-i-Taliban Muhammad Khorasani ha spiegato che l’obiettivo dell’attacco era il primo ministro Nawaz Sharif, che stava partecipando alla stessa missione ufficiale a bordo di un altro velivolo. Sono morte almeno sei persone, fra cui gli ambasciatori di Norvegia e Filippine.

Nel frattempo, testimoni sul posto hanno riferito all’Afp che l’elicottero è precipitato su una scuola del villaggio di Noman nella valle del fiume Naltar. “Al momento dello schianto nell’edificio c’erano dei bambini” hanno spiegato fonti ospedaliere che temono quindi un bilancio molto peggiore.

pubblicità
In Pakistan si schianta un elicottero, morti gli ambasciatori di Norvegia e Filippine

Un elicottero militare pachistano è precipitato provocando la morte di diversi diplomatici stranieri vicino alla città di Gilgit, nel nordest del paese. Il MI-17 stava accompagnando una delegazione di ambasciatori e giornalisti all’inaugurazione di un progetto governativo nella regione montuosa del Gilgit Baltistan, nota come base di partenza per le spedizioni in Himalaya e Karakoram, quando è precipitato contro una scuola e ha immediatamente preso fuoco. Secondo il portavoce militare Asim Bajwa, sono morti i due piloti e almeno quattro passeggeri, fra cui gli ambasciatori di Norvegia e delle Filippine e le mogli degli ambasciatori della Malesia e dell’Indonesia in Pakistan.

Fra i feriti, come si legge in un tweet del portavoce, ci sono anche i rappresentanti diplomatici di Polonia e Paesi Bassi. Al momento dell’incidente, il primo ministro Nawaz Sharif stava viaggiando su un altro elicottero nella stessa missione e ha già fatto ritorno nella capitale Islamabad. A bordo del MI-17 c’erano in tutto undici stranieri e sei pachistani.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.