Hani Shukrallah

È il direttore di Ahram Online.

La sconfitta della rivoluzione tiene gli egiziani lontani dalle urne

È arrivato il momento delle elezioni parlamentari in Egitto, le seconde dai tempi della rivoluzione del gennaio 2011. Tutti gli ingranaggi elettorali sono partiti. Le strade sono addobbate con poster, striscioni e cartelli, l’alta commissione elettorale lavora a pieno ritmo, le forze dell’ordine e i tribunali sorvegliano l’andamento del voto. C’è solo un dettaglio: gli elettori non sono interessati. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.